SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La Pro Loco presieduta da Marco Calvaresi ha siglato un accordo di un anno, con opzione per il rinnovo, con la Banca Popolare di Ancona. Per gli eventi turistici e i progetti creati dall’associazione, dunque, ci potranno essere forme di sponsorizzazione da parte dell’istituto di credito, a partire dal premio giornalistico intitolato al grande Novemi Traini.
«E’ un riconoscimento della nostra serietà», afferma l’imprenditore alberghiero Calvaresi, che rilancia la voglia di ritagliarsi un ruolo da parte di un’associazione che ancora non ha ricevuto il riconoscimento ufficiale da parte del Consiglio comunale. L’ex presidente del Consorzio Turistico nega la presenza di frizioni con l’amministrazione comunale, anche se poi dice fra i denti che questa non ha tenuto in considerazione le proposte della Pro Loco per la “nuova” tre giorni di festa patronale che si svolgerà a ottobre. «Quelli del Comune credo siano ritardi tecnici, a causa dei condizionamenti da parte di qualche uomo politico. Ma nella Pro Loco la politica non c’entra nulla».
Da parte loro, i rappresentanti della Banca Popolare di Ancona affermano di voler tornare ad essere vicini al territorio sambenedettese dopo anni di lontananza. Dice il capoarea per il centrosud delle Marche Daniele Maggiaroli: «Nonostante con il nostro ingresso nel gruppo Ubibanca la direzione centrale sia a Milano, la direzione di Jesi è sempre quella che ha il polso del territorio originario della nostra banca».
A “benedire” la sinergia anche il coordinatore del segmento privati Alberto Nari e i direttori delle due filiali sambenedettesi Rosario Vozzella e Vito Ripanti. «Non vogliamo perdere le radici nel territorio che rimane il 50% del nostro volume di affari».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 825 volte, 1 oggi)