TORTORETO – Il risarcimento danni per l’alluvione dello scorso ottobre tardano ad arrivare e così i cittadini colpiti dagli allagamenti dello scorso ottobre 2007 hanno deciso di protestare ieri pomeriggio domenica 22 giugno, occupando il lungomare di Tortoreto.

La manifestazione, organizzata dal comitato “Solidarietà esicurezza” e dall’associazione “Tortoreto Domani” ha avuto come punto di ritrovo il monumento del Pescatore a Tortoreto Lido, dove sono stati collocati striscioni di protesta contro le istituzioni che a otto mesi dall’alluvione ancora non hanno garantito certezze ai cittadini danneggiati. I manifestanti hanno offerto pizze e panini con la porchetta e in chiave ironica hanno posizionato vicino alle vivande una scatola con offerte per gli alluvionati. In seguito la protesta si è spostata sul lungomare dove un nutrito numero di cittadini ha iniziato ad attraversare costantemente le strisce pedonali da una parte all’altra della strada provocando un rallentamento del traffico e lunghe code, e costretto i numerosi turisti e pendolari che rientravano dal mare a sostare per molto tempo in auto.

La protesta si è conclusa verso le 18, ma gli alluvionati avvertono che se entro fine mese non saranno pagati i primi rimborsi verrà organizzata una seconda manifestazione attraverso l’occupazione del Comune.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.274 volte, 1 oggi)