GROTTAMMARE – Pulizia delle aree verdi e divieto di accendere fuochi o utilizzare apparecchi che producano scintille, in prossimità dei boschi, ad una distanza inferiore a 200 metri, fino al 15 settembre. È il contenuto dell’ordinanza emessa dal sindaco di Grottammare Luigi Merli l’obiettivo di arginare il fenomeno estivo degli incendi boschivi.

Inoltre, entro il 15 luglio, i proprietari/conduttori di aree agricole non coltivate, aree verdi urbane incolte o annesse a edifici, i responsabili dei cantieri edili e stradali, i responsabili di strutture turistiche artigianali e commerciali con pertinenze verdi, dovranno provvedere ad effettuare i relativi interventi di pulizia, a propria cura e spese, e alla rimozione di ogni elemento o condizione di rischio di incendi o di pericolo per l’incolumità e l’igiene pubblica.

In particolar modo gli interventi di pulizia devono provvedere all’eliminazione delle sterpaglie, al taglio di siepi vive, di vegetazione e rami che si protendono sui cigli delle strade. I resti dovranno poi essere correttamente smaltiti, perché anche l’accumulo dei rifiuti, oltre a costituire ovviamente un rischio per la salute pubblica, in condizioni di elevate temperature estive può essere causa predominante di incendi o favorire la propagazione incontrollata del fuoco, tanto quanto la proliferazione di rovi e sterpaglie.

Il documento è stato trasmesso alla Prefettura di Ascoli Piceno, alle forze dell’ordine, alla Guardia forestale, al Comando provinciale dei Vigili del fuoco, alla Protezione civile comunale e regionale. Il testo integrale è pubblicato anche sul sito web del comune: www.comune.grottammare.ap.it.

Per chiarimenti si può contattare l’ufficio Ambiente, al terzo piano del palazzo municipale, telefono 0735.739204.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 496 volte, 1 oggi)