GIULIANOVA – Salvataggio reale fra simulazioni preparate. La “Decima giornata della sicurezza in mare” che si è svolta ieri domenica 15 giugno al porto di Giulianova si è conclusa tra la soddisfazione generale dei partecipanti per aver svolto in maniera puntuale le simulazioni di recupero e salvataggio di naufraghi in mare e anche per aver portato a termine un’operazione reale scattata in seguito alla segnalazione dello smarrimento di un bambino di due anni lungo il litorale giuliese.

La giornata, organizzata dalla Lega Navale Italiana sezione di Giulianova e dal locale Ufficio Circondariale Marittimo in collaborazione con la Croce Rossa di Giulianova, è iniziata con la simulazione di un incendio a bordo di un’imbarcazione con il recupero di tre naufraghi da parte di unità della Croce Rossa e della Guardia Costiera a cui ha seguito la simulazione di apertura di una zattera di salvataggio e successivo ribaltamento della stessa con naufraghi a bordo. E’ anche stato testato l’impianto antincendio del porto con azione di spegnimento di un automezzo in fiamme sulla banchina di riva. E mentre si svolgevano le esercitazioni è giunta la segnalazione che un bimbo di due anni era stato dato per disperso.

Immediatamente gli uomini della Guardia Costiera, anche grazie all’uso di foto segnaletiche distribuite in zona, si sono mobilitati e hanno ritrovato il piccolo nei pressi del Camping Holiday.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 774 volte, 1 oggi)