SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Ci sarà tempo fino all’8 agosto – a partire dal prossimo 23 giugno – per inoltrare al Comune di San Benedetto le domande relative all’assegnazione di cappelline della nuova ala del cimitero, che verrà realizzata a partire dal prossimo autunno. Si tratta della richiesta di concessione d’uso per 99 anni. Sono disponibili 26 cappelline (11 familiari con 10 posti salma, 15 bifamiliari con 10 posti, 5 per ogni famiglia assegnataria) e 37 loculi familiari con 5 posti salma abbinati in senso verticale. Il prezzo della cappellina familiare singola è di 75 mila euro, mentre quello di ogni metà della bifamiliare è di 34 mila euro. Il costo di una serie di 5 loculi per famiglie è invece di 25 mila euro.
La concessione può essere richiesta consegnando all’ufficio protocollo del Comune i modelli di domanda reperibili presso l’Ufficio Polizia Mortuaria di via Gemito presso il cimitero (tel. 0735.592106) o presso l’Ufficio Relazioni con il Pubblico in viale De Gasperi 124, piano terra del Comune (tel. 0735.794555).
Può presentare domanda chi risiede a San Benedetto ininterrottamente da almeno 20 anni o chiunque abbia avuto una residenza precedente alla pubblicazione del bando per almeno 25 anni. I manufatti verranno assegnati tramite sorteggio pubblico realizzato da un’apposita commissione, che formulerà la graduatoria probabilmente entro agosto.
I lavori per la realizzazione della nuova ala dovrebbero partire dopo l’estate e durare nove mesi. La struttura avrà una superficie complessiva di 4 mila e 500 metri quadrati su tre piani di 1.500 ognuno e sorgerà a ovest rispetto all’attuale (considerando l’ingresso di via Conquiste), con un primo ingresso in via Gemito, e un secondo nella stessa via Conquiste. Il progetto esecutivo è stato approvato lo scorso 28 marzo e vi hanno lavorato gli architetti Farnush Davarpanah e Alfredo Di Concetto, gli ingegneri Nicola Antolini e Giuseppe Ortenzi, i geometri Lanfranco Cameli e Filippo D’Angeli.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 741 volte, 1 oggi)