SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Ici, questa sconosciuta. Dal 2008, infatti, non è dovuta l’Imposta Comunale sugli Immobili sulla prima casa: nei prossimi giorni, il Comune di San Benedetto terminerà la distribuzione delle comunicazioni ai residenti, contenenti il calcolo dell’Ici sugli immobili non esentati dal decreto (seconde case, pertinenze, ecc).

A San Benedetto, come da regolamento comunale, è esclusa dall’Ici anche l’abitazione principale concessa in comodato gratuito dal genitore al figlio, e viceversa. Sono esenti anche le abitazioni di coniugi non assegnatari in caso di separazione o divorzio.

Nel caso in cui non fosse già stata comunicata la pertinenza di un immobile all’abitazione principale (garage, soffitte, fondaci ovvero C6, C7, C2), nell’avviso in arrivo sarà specificato il conteggio dell’Ici dovuta. Per informare gli uffici comunali della pertinenza, sarà necessario compilare l’atto notorio reperibile sul sito web del Comune alla sezione “modulistica” Ici 2008 e presentarlo all’ufficio Protocollo, anche oltre il 16 giugno (preferibilmente entro l’estate).

Presso gli sportelli di San Benedetto del Tronto (3° piano di viale De Gasperi 120, dal lunedì al venerdì dalle 10,30 alle 13 e il martedì e giovedì anche dalle 17,30 alle 18,30) e nella sede di Porto d’Ascoli (via Nazario Sauro 10, stessi orari) sarà possibile effettuare tutte le operazioni di modifica, ricalcolo e ristampa dei bollettini postali, e stampare il modello F24. Presso gli stessi sportelli è possibile anche pagare direttamente, ma solo con carta di credito o bancomat a mezzo Pos.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 848 volte, 1 oggi)