GROTTAMMARE – Grottammare futura, per la prima volta in consiglio con due rappresentanti, commenta il consiglio comunale del 27 maggio, nel quale la maggioranza ha presentato le proprie linee programmatiche – che sono state approvate con i voti della sola maggioranza.Sandro Mariani per Grottammare Futura ha osservato che «a fronte di linee programmatiche lasciate immutate, in questo mese e mezzo diverse cose sono cambiate nello scenario politico italiano, con ricadute di notevole importanza anche sulle realtà locali: si è insediato un nuovo governo che ha annunciato la cancellazione dell’Ici per la prima casa e soprattutto il blocco degli aumenti di qualsiasi tassa comunale. Con quali risorse economiche si farà fronte all’attuazione del programma? L’amministrazione Merli sarà costretta a riscriverne diversi capitoli».

Sandro Mariani per Grottammare Futura ha rinnovato l’appello a porre attenzione al problema della mobilità e della viabilità, «completamente assenti dalla programmazione», ed al capitolo della “città produttiva”, riguardante le problematiche del lavoro, degli insediamenti per la piccola industria, dell’artigianato e non per ultimo del commercio.

Per quanto riguarda il crocifisso, si è discussa la mozione presentata dalla lista del “Popolo delle Libertà”, le votazioni hanno visto i voti contrari all’affissione di Giuseppe Marconi e Saturnina Scaramucci, con astensione di Sandro Mariani.

«Nella posizione della maggioranza – afferma quest’ultimo – si riconosce l’incapacità e la debolezza della pubblica amministrazione a farsi garante della sua laicità. Essa indebolisce la percezione della identità e del senso di appartenenza di tutti i cittadini – di fede cattolica e non – alla comunità civica. Dov’è la componente laica e riformista? Quella che da tempo avrebbe dovuto richiedere la presenza in aula della foto di Giorgio Napolitano, il più prestigioso rappresentante laico della Repubblica Italiana».

E conclude con una provocazione «La notizia è che la foto del nostro Presidente in questa aula consigliare non c’è e non c’è mai stata…».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 2.214 volte, 1 oggi)