SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Momenti di grande paura per cinque diportisti al largo della costa rivierasca. La loro imbarcazione affonda e i cinque sono stati tratti in salvo da due motovedette della Guardia Costiera di San Benedetto e della Guardia di Finanza.
La segnalazione alla sala operativa della Capitaneria di Porto è arrivata alle 9:55 di venerdì mattina. La richiesta di soccorso è partita da un’imbarcazione da diporto in vetroresina, cinque metri di lunghezza, in procinto di affondare nel tratto di mare vicino alla piattaforma per l’estrazione di idrocarburi “Fabrizia”. La distanza dal porto in quel punto è di sette miglia nautiche.
Da terra la mattinata sembrava regalare un mare abbastanza buono, ma evidentemente al largo le condizioni non erano favorevoli.
I cinque uomini a bordo si sono buttati in acqua con gli appositi giubbini e con il materiale da salvataggio in dotazione. Una volta a bordo delle motovedette giunte in soccorso, per i cinque naufraghi non c’è stato bisogno di cure mediche.
Dopo il salvataggio, il natante è completamente affondato, su un fondale di 20 metri di profondità.
La motovedetta della Guardia Costiera Sar 843 ha svolto un monitoraggio sulla superficie e non ha rilevato tracce di inquinamento da idrocarburi nella zona.
Sono in corso gli accertamenti del caso da parte dell’autorità marittima. Ma dalle prime informazioni assunte, la Capitaneria esclude che nel sinistro siano state coinvolte altre imbarcazioni.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.945 volte, 1 oggi)