Politica. Da che mondo è mondo (un’eternità) l’opposizione politica ha il compito di evitare che la maggioranza al governo faccia errori, seppur in buona fede. A San Benedetto del Tronto l’attuale centrodestra continua a fare interrogazioni di relativo valore mentre assiste passivamente e in assordante silenzio a passaggi molto delicati che rischiano di mettere nei pasticci e magari aumentarli i problemi di diversi lavoratori (nonché elettori) sambenedettesi.Non si capisce che una sana opposizione è utile per scongiurare errori che possano ripercuotersi nei cittadini. In questi casi mi vengono in mente due ipotesi: lo fanno per far sì che eventuali errori diventino sempre più grandi per ricavarne vantaggi elettorali più grandi (non importa chi, intanto, ne paga pegno) oppure per semplice incapacità. Non mi spiego altrimenti il mancato “aiuto” alla maggioranza (in un paese civile è questo il compito dell’opposizione) sulla delicata vicenda della Foodinvest. Stessa cosa per i sindacati, come sempre divisi (salve rare eccezioni) in funzione dell’appartenenza politica. Alla quale aspirano sempre in numero maggiore. Proviamo a cambiarlo questo mondo altrimenti perderemo anche il diritto di lamentarci.
Stampa. Dopo che la nostra città è venuta a conoscenza, tramite un giornale di Piacenza, di quanto è accaduto alla Berni-Gragnanese, società agro industriale della quale era responsabile Alessandro Pignoletti e oggi in procinto di rilevare la Foodinvest di Porto d’Ascoli, l’informazione locale sambenedettese, invece di controbatterle oppure trarne un normale e appetitoso input e approfondire la questione come stiamo facendo noi, oggi si è completamente disinteressata. Le due testate “cugine” stamattina (27 marzo 2008) hanno fatto scena muta, la terza ha notevolmente ridotto lo spazio a disposizione per una vicenda alla quale precedentemente aveva dedicato spazi molto importanti. Magari domani mi smentiranno e aiuteranno concretamente la città a scoprire la verità alla quale, e solo a quella, dovrebbero puntare gli stessi dipendenti dell’ex Surgela, oggi giustamente in ansia per il loro futuro.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 557 volte, 1 oggi)