GROTTAMMARE – Un sistema di lotta biologico ed ecocompatibile per il controllo della Paysandisia archon (Lepidoptera, Castniidae) sulle palme c’è.

L’incontro, che si terrà lunedì 26 maggio alle 18,30, presso l’Hotel Parco dei Principi, verrà presentato un metodo di lotta biologica utilizzabile per il controllo di fitofagi dannosi alle diverse specie di palme e sarà anche un momento utile per dare agli operatori turistici della Riviera delle Palme una conoscenza consapevole del problema.

Verranno presentati i primi risultati sperimentali e ad intervenire saranno Sandro Nardi, del Servizio fitosanitario regionale-Agenzia Servizi Settore Agrolimentare Marche, Paola Riolo dell’Università Politecnica delle Marche, Roberto Bruni dell’Ordine Dottori Agronomi e Forestali, Alfredo Piunti della P.B.E. srl, ed Edith Ladurner della Intrachem Bio Italia S.p.A.

L’assoluta innocuità di questo agente verso organismi no target, lo renderebbe uno strumento di controllo unico, con impatto praticamente nullo. Obiettivo particolarmente rilevante in un territorio fortemente turistico come quello rappresentato dal litorale adriatico.

In particolare si tratterà dell’utilizzo di formulati a base di nematodi entomopatogeni, organismi ubiquitari naturalmente presenti in molti terreni, che attendono normalmente nel suolo il passaggio delle vittime o le ricercano attivamente per poi penetrare al loro interno. Una volta dentro l’ospite viene rilasciato un batterio simbionte la cui azione determina la morte della larva in poche ore.

Steinernema carpocapsae, una specie da tempo utilizzata verso altri fitofagi legati alle colture agrarie e ornamentali, ha recentemente dimostrato un’efficacia anche nei confronti del lepidottero minatore di recente introduzione Paysandisia archon e può quindi costituire un valido strumento di controllo alternativo e/o di integrazione ai mezzi di difesa chimici convenzionali, soprattutto nell’ambiente turistico e urbano, ma anche nel settore professionale dei vivaisti e giardinieri.

L’incontro è organizzato dall’Ordine dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali di Ascoli Piceno con il patrocinio delle Associazioni Alberghiere locali: A.O.T. Grottammare, Associazione Albergatori “Riviera delle Palme”, A.C.O.T. Cupramarittima; e dell’Associazione dei vivaisti di Grottammare, in collaborazione con la P.B.E. srl.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 4.434 volte, 1 oggi)