SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Dopo un inizio di stagione difficilissimo perché fuori forma e soprattutto perché impiegato come terzino da Ugolotti, si è rivelato uno dei maggiori punti di forza della Samb che, unendo la sua forza e la sua tecnica al cuore e all’esperienza di Ottavio Palladini, ha trovato la giusta quadratura in mezzo al campo. Stiamo parlando di Francesco Ferrini.

Il centrocampista ex-Perugia ci spiega: «La situazione è ancora in altomare, ma proprio stamattina (mercoledì) ho sentito telefonicamente il direttore sportivo Nucifora, che mi ha detto che fisserà un incontro col Cesena (squadra detentrice del suo cartellino, ndr) per discutere della mia posizione. Da parte mia ho dato la massima disponibilità a rimanere in rossoblu».

Se, oltre alla Samb, anche il Cesena ti facesse capire di voler puntare su di te, quale sarebbe il tuo orientamento?

«Io preferirei la Samb».

Eppure a Cesena, saresti a due passi da casa: fattore questo, che spesso fa la differenza fra diversi tuoi colleghi.

«Per me non è così: sono già due anni che gioco lontano da casa e non è un problema, è il mio lavoro. A San Benedetto mi sono trovato bene con tutto l’ambiente: dalla società ai compagni, dalla città alla tifoseria. Alla Samb sono riuscito a trovare la mia dimensione, così da esprimere al meglio le mie potenzialità. Ci terrei a restare, quindi, anche per ricambiare la fiducia che è stata riposta nei miei confronti».

Dopo Davide Moi, dunque, anche Francesco Ferrini (almeno a parole) farà felici i tifosi rossoblu.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.103 volte, 1 oggi)