Da Riviera Oggi n. 726

RIPATRANSONE – Prosegue la nostra indagine alla scoperta delle strutture ricettive del territorio ripano. Questa settimana ascoltiamo Maria Picceri, titolare dell’hotel ristorante “Piceno”: «Le richieste di informazioni aumentano e anche le prenotazioni. A Pasqua abbiamo lavorato bene, purtroppo la pioggia e il maltempo non hanno aiutato l’affluenza dei turisti, ma i nostri abituali clienti hanno confermato la loro presenza».
Degno di nota la diversità di vedute fra la Picceri e il titolare del vicino hotel Romano, che in una recente intervista a Riviera Oggi ha lamentato poche prenotazioni nelle vacanze pasquali.

Dalla titolare del “Piceno” nessuna lamentela sulla promozione o valorizzazione del territorio: «Vorremmo lavorare di più ma non possiamo pretendere che l’amministrazione organizzi eventi e manifestazioni ogni mese. Per il Cavallo di Fuoco abbiamo avuto ospiti dalla Toscana e dal Lazio interessati alla rievocazione storica: una settimana di festeggiamenti che ha favorito l’affluenza turistica sia di coloro che sono rimasti nella nostra struttura e hanno soggiornato, sia di coloro che hanno scelto la cucina e si sono fermati solo per il nostro ristorante».

Sprizza ottimismo la Picceri, preannunciando un bilancio assolutamente positivo: «Le nostre camere sono piene, abbiamo prenotazioni dall’estero soprattutto per la prossima estate. Ma lavorare durante la stagione estiva non è un problema, del resto se non si lavora in questi mesi non si può pensare di mantenere una struttura ricettiva. Il nostro hotel lavora bene anche durante l’anno perché abbiamo ospiti stranieri che vengono anche nel periodo invernale, per il periodo natalizio abbiamo quasi sempre prenotazioni. La mia permanenza all’estero – spiega la titolare – mi agevola nell’attività, la conoscenza della lingua inglese e delle abitudini dei miei ospiti favorisce una migliore accoglienza».

Per leggere le altre interviste clicca qui

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 436 volte, 1 oggi)