MARTINSICURO – Passaggio di mano del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti a Martinsicuro, che dal prossimo 15 maggio vedrà subentrare alla Manutencoop la Poliservice, la società incaricata dall’Unione dei Comuni Val Vibrata, che avrà un’esclusiva nel servizio attraverso un contratto stipulato per 25 anni.

Da circa un paio di mesi la Commissione di Controllo e Garanzia del Comune vaglia attentamente l’ingente mole di documenti riguardanti il servizio attualmente reso dalla Manutencoop, al fine di avere una panoramica ampia e chiara per poi revisionare il nuovo contratto con la Poliservice.

«Dopo un’attenta analisi del contratto di servizio esistente – ha spiegato Alduino Tommolini, presidente della Commissione – è emerso che tra le sue premesse si fa chiaramente riferimento alla possibilità di introdurre “meccanismi premianti o sanzionatori” legati in particolare al monitoraggio del livello di soddisfazione dell’utenza».

Una clausola che però è rimasta fino alla fine solo allo stato potenziale, dato che nonostante nel corso degli anni la percentuale di raccolta differenziata a Martinsicuro sia scesa di alcuni punti percentuale – attualmente rasenta il 40% – a fronte del costo della Tarsu che nel giro di due anni è aumentato del 60%, nessuna iniziativa è stata intrapresa nei confronti di una ditta che stava generando un chiaro disservizio.

«Il fatto che la clausola di premi e sanzioni che avevo ipotizzato di introdurre nel nuovo contratto con la Poliservice sia invece già prevista in quello esistente – ha proseguito Tommolini – costituisce un’opportunità da poter applicare immediatamente, in quanto trova un fondamento giuridico nello stesso contratto. Si ha così modo di introdurre la partecipazione e la responsabilità della ditta nel servizio reso: in questo caso la Poliservice si dovrebbe impegnare a rispettare i parametri stabiliti con il Comune – ad esempio garantire una percentuale minima di raccolta differenziata – per non incappare nelle sanzioni previste. Ed è una forma di tutela del cittadino, che deve pagare solo in base ai servizi effettivi che ottiene».

Il passaggio dalla Manutencoop alla Poliservice si dovrebbe avere entro il 15 maggio, anche se ci vorrà qualche tempo ancora per arrivare alla rimodulazione del nuovo contratto.

Anche la nuova raccolta porta a porta “spinta” che dovrebbe interessare al momento in via sperimentale solo due quartieri di Martinsicuro, partirà soltanto in seguito ad una campagna informativa e a riunioni di quartiere per illustrare ai cittadini i termini e le modalità della raccolta.

«L’informazione è l’elemento essenziale e decisivo per la riuscita del progetto – ha concluso Tommolini – altrimenti si rischia un sicuro flop».

Il consigliere di Città Attiva intanto sta elaborando una relazione finale dei lavori della Commissione di Controllo e Garanzia, che verrà sottoposta all’Amministrazione comunale e al Consiglio comunale, con lo scopo di fornire delle indicazioni e suggerimenti per migliorare la gestione del servizio di raccolta differenziata e smaltimento dei rifiuti.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 641 volte, 1 oggi)