TERAMO – Si chiama “Il villaggio della sicurezza” la manifestazione itinerante finalizzata alla sensibilizzazione verso una guida sicura, che farà tappa a Teramo il 10 maggio, a Giulianova il 18 maggio e a Pineto il 25. Tre giornate per accendere i riflettori sul fenomeno degli incidenti stradali, che in Italia supera di gran lunga la media europea.

All’interno del Villaggio si potrà partecipare ad una serie di iniziative come ad esempio crash-test, e prove di guida, si potranno effettuare questionari per comprendere il grado di consapevolezza dei comportanti sbagliati alla guida, e si terrà la tavola rotonda sull’ “Obiettivo sicurezza”, il progetto che la Provincia sta portando avanti (con uno stanziamento di 2 milioni e 700 mila euro) per migliorare la sicurezza stradale (con la segnaletica, le rotatorie, la sistemazione di innesti pericolosi, la realizzazione di un catasto informatico che consente la rilevazione in tempo reale delle criticità). Nell’ambito del progetto, la Provincia, ha acquistato anche un’auto pluriadattata per le esercitazioni di guida delle persone diversamente abili, che verrà donata al Consorzio provinciale delle autoscuole.
Il Villaggio, a Teramo, aprirà i battenti sabato mattina alle 9. All’interno si svolgerà la premiazione del concorso “Ruote Sicure”: disegni, video, fotografie, realizzati dagli studenti delle scuole superiori che hanno partecipato al progetto di formazione realizzato dagli psicologi dell’Aupi.

In un’ottica di integrazione, all’interno del Villaggio, sono presenti anche i sei Comuni della costa che stanno realizzando il progetto “Linea di sicurezza sulla costa teramana” (Martinsicuro, Alba Adriatica, Tortoreto, Giulianova, Roseto, Pineto). Anche in questo caso sono stati messi in campo interventi per migliorare la sicurezza stradale, iniziative per sensibilizzazione i cittadini, azioni di formazione rivolte ai tecnici.
In base ai dati Istat sugli incidenti stradali del 2006 in provincia di Teramo si sono avute 42 vittime, anche se dalle rilevazioni della Polizia Stradale i dati registrati hanno definito un trend in calo sia negli incidenti che nel numero delle vittime, grazie al miglioramento della rete stradale, delle attività di prevenzione e controllo sulle strade, delle iniziative di formazione e informazione che negli ultimi due anni si sono notevolmente intensificate. Uno dei tratti più pericolosi rimane comunque la statale 16, un’arteria che attraversa molti centri abitati della costa.

Il Villaggio della sicurezza è un’iniziativa della Provincia di Teramo – Assessorato viabilità e trasporti – in collaborazione con sei Comuni della costa, con l’Aci, il 118, la Polizia Stradale, l’Associazione nazionale degli psicologi, la Federazione Motociclistica Italiana, l’Agenzia provinciale per l’energia e l’ambiente.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.050 volte, 1 oggi)