SAN SEVERINO MARCHE – Per le coppie in crisi la terapia è il dialogo, del confronto e della preghiera.
Questo è quanto è stato fatto domenica 4 maggio presso il Monastero delle Clarisse di San Severino Marche nel corso del ritiro spirituale organizzato dal Gruppo Kairos della diocesi di San Benedetto del Tronto indirizzato alle famiglie in crisi, a quelle coppie di sposi in situazioni di separazione, divorzio e nuova unione.
Il gruppo Kairos è un cammino di fede voluto dal vescovo, Monsignor Gervasio Gestori e iniziato nel 1997, grazie al lavoro di coordinazione svolto dai coniugi Giancarla Perotti e Antonio Barra e dedicato alle coppie che vivono una situazione matrimoniale particolare.
Il cammino è stato per qualche anno l’unica realtà esistente in Italia organizzata da un Ufficio di Curia (Ufficio Diocesano di Pastorale Familiare), dunque l’unico voluto dal vescovo, cioè una realtà di pastorale ufficiale, a differenza di altri cammini nazionali esistenti sorti per opera di laici.
La giornata, programmata a fine anno pastorale, ha visto momenti di preghiera con le monache del Monastero, alternati a momenti di dialogo. Inoltre nel corso della giornata è stata letta la lettera scritta dal cardinale Dionigi Tettamanzi, arcivescovo di Milano, indirizzata alle coppie in crisi, dal titolo “Il Signore è vicino a chi ha il cuore ferito”.
L’incontro giunge al termine di una serie di incontri che hanno preso il via all’inizio dell’anno presso il Convento di San Giacomo della Marca a Monteprandone. Gli incontri avevano una frequenza mensile e all’interno di ognuno di essi era invitato un relatore esperto che dissertava di un importante argomento.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.559 volte, 1 oggi)