SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Si è interrotto nei quarti di finale il sogno promozione del Basket Club San Benedetto. In gara due i rossoblu sono stati sconfitti in casa da Chiaravalle, lasciando così via libera alla formazione anconetana, già vittoriosa domenica scorsa.

Settantatre a sessantanove il punteggio in favore degli ospiti, bravi a sfruttare i
problemi di un Basket Club bersagliato dagli infortuni e dunque inevitabilmente a corto di fiato nei momenti decisivi del match. Non è mancata comunque qualche recriminazione per l’operato del duo arbitrale Bartolacci-Galassi, specie per un canestro più fallo negato a Martinez quando i padroni di casa guidati da coach De Santis stavano per perfezionare una disperata rimonta.
«Purtroppo ci siamo ritrovati con la squadra falcidiata dagli infortuni nel momento decisivo della stagione e nei play off non si possono regalare due uomini agli avversari – spiega il presidente del Basket Club San Benedetto, Tonino Valori -. Questo aumenta il rammarico per un’occasione che, con la squadra al completo, avremmo potuto giocarci con ottime possibilità di vittoria. Del resto, prima che Ciccorelli fosse messo fuori casa dall’infortunio, eravamo al secondo posto della classifica e avevamo giocato alla pari con tutte».

La gara contro Chiaravalle ha visto un grande equilibrio nei primi due quarti. Dopo aver chiuso il primo in svantaggio 14-17, i sambenedettesi hanno stretto i denti e, grazie anche ad alcune buone iniziative del giovane Bolognesi, sono balzati avanti 36-32.

E’ nel terzo quarto che i rossoblu hanno accusato la fatica, soprattutto in difesa, subendo un parziale di 26-15. Martinez, menomato da un problema alla schiena, ha provato a orchestrare la rimonta, ma gli arbitri gli hanno negato un evidente canestro proprio quando sembrava che il Basket Club potesse fare il miracolo. Si è chiuso così con Chiaravalle a festeggiare il 73-69 che consente di proseguire la corsa promozione.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.011 volte, 1 oggi)