CUPRA MARITTIMA – Tratto dal romanzo della scrittrice norvegese Karin Fossum, “Lo Sguardo di uno sconosciuto” e sceneggiato da Sandro Petraglia, La ragazza del lago si inserisce nel filone del thriller-noir e attraverso il senso di dolore che trapela dalla storia di cronaca nera raccontata, diventa metafora dell’Italia di oggi. Un film sociale e politico che descrive la provincia della Carnia nella sua omologazione uguale a quella di qualsiasi piccola realtà, la coscienza perduta della gente di fronte alla tranquillità convenzionale di un’esistenza anonima. Ritratto di una società che ha perso i sui punti di riferimento e barcolla tra disorientamento e tragedia, in attesa che la sua coscienza si desti dal sonno in cui è sprofondata.

In una cittadina friulana, arriva il commissario Giovanni Sanzio per indagare sulla scomparsa di Marta una bambina di sei anni, ma si trova a dover risolvere un altro caso: la morte misteriosa di Anna, studentessa e giocatrice di hockey, che viene rinvenuta nuda annegata lungo la sponda di un lago.

Un cast d’eccezione tra cui Tony Servillo (nel ruolo del commissario Sanzio), Valeria Golino, Fabrizio Gifuni, Anna Bonaiuto, che con interpretazioni magistrali reggono il filo dell’inquietudine del genere e della rappresentazione delle dinamiche di socialità umana.

Inizio proiezione: venerdì 2 ore 21.30 – sabato 3 ore 21.30 – domenica 4 ore 18.00 – 21.30

ingressi: € 5.50 interi, € 4.00 ridotti

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 589 volte, 1 oggi)