ANCONA – Meno incidenti se si devia il traffico pesante dalla Strada Statale 16 alla A 14. Questo è ciò che crede la Regione Marche che ha disposto la deviazione del traffico pesante anche per l’estate 2008. A tale proposito verrà infatti convocato a breve un tavolo tecnico con tutte le parti interessate. La decisione è la conseguenza di una riunione svoltasi lo scorso gennaio a Roma nella sede della Direzione Generale per l’autotrasporto del Ministero dei Trasporti. In tale occasione è stata infatti avviata un’indagine per poter valutare l’effetto prodotto dalle deviazione sull’incidentalità nel territorio interessato.
«Dalla ricerca – spiega l’assessore ai Trasporti Pietro Marcolini, risulta che la deviazione del traffico pesante dalla Ss 16 alla A 14, anche se non risolve il problema che deve essere affrontato e considerato nelle opportune sedi competenti, contribuisce alla sicurezza delle strade, alla riduzione dell’inquinamento nei tratti urbani interessati alla vivibilità degli abitanti almeno per il periodo estivo e per questo è nostra ferma intenzione confermarla anche quest’anno».
In base ai dati raccolti in collaborazione con la Società Autostrade, dal 1997 al 2005, gli incidenti sono diminuiti di più sulle strade ordinarie rispetto all’autostrada dal 1999, anno in cui è stata avviata la deviazione. Inoltre, rapportando il numero degli incidenti all’effettivo periodo della deviazione in termini incidenti-giorno, e per quanto è stato possibile ai transiti dei mezzi pesanti, si è evidenziato che l’incidentalità in quel periodo dell’anno risulta maggiore sulle strade ordinarie rispetto all’autostrada. In autostrada infatti è certamente più semplice il rispetto della distanza di sicurezza, i sorpassi sono facilitati dall’apposita corsia e ci sono banchine più larghe per la sosta di emergenza.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 914 volte, 1 oggi)