ASCOLI PICENO – Dal 1985 è la più completa rassegna dell’Italian Food a livello internazionale, in 14 anni ha saputo farsi interprete delle esigenze di business dalle aziende . È Cibus, il salone internazionale dell’alimentazione, ed è la più importante rassegna dedicata all’Italian Food nel mondo, e verrà inaugurato il 5 maggio a Parma.

La Consulta Agroalimentare di Confindustria Marche sarà presente con una area collettiva di oltre 430 metri, al padiglione 5. Angelo Galeati, il Presidente della Consulta regionale, spiega: «C’era la necessità di riproporre per le aziende marchigiane una presenza collettiva impostata in modo tale da fare sistema e dimostrare la capacità di innovazione e di qualità delle imprese stesse».

Cibus da sempre favorisce l’incontro tra le realtà italiane del settore e le più importanti catene della GDO mondiale, presenti nei mercati di riferimento per l’export alimentare di qualità: saranno più di 500 i buyer esteri – in rappresentanza di 55 Paesi – che incontreranno le aziende nelle quattro giornate espositive .
Fra queste, Confindustria Marche proporrà più di venti aziende delle province marchigiane con prodotti di qualità e ricerca assoluta della tipicità regionale .
Grazie al significativo coinvolgimento della Camera di Commercio di Ascoli Piceno e di quella di Ancona, della provincia di Ascoli Piceno, di Carisap SpA, le aziende avranno a disposizione anche un’area destinata all’assaggio ed alla proposta gastronomica dei prodotti e delle ricette tipiche, grazie alla collaborazione con l’Associazione Cuochi di Marca, che curerà la preparazione di piatti tipici: «Le Marche vantano non solo eccellenti prodotti del mare e della campagna – ha affermato il Presidente dell’Associazione Lucio Pompili -, ma pure ottimi vini, selvaggina e tartufi; è la terra che ha dato i natali allo scopritore del vino spumante Francesco Scacchi e all’insigne gourmet Gioacchino Rossini, è depositaria di una illustre tradizione gastronomica, ma è anche sulla cresta dell’onda della cucina contemporanea italiana».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 771 volte, 1 oggi)