SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Scarpe, libri, cartoline e ceramiche. Il Piceno rappresentato nelle sue eccellenze entra nelle hall degli alberghi.
Questo è il progetto intrapreso da Confindustria di Ascoli Piceno, in occasione dell’inizio della prossima stagione estiva.
Un albergo che si trasforma e che da semplice alloggio per turisti diventa singolare vetrina di un territorio che ha e che dà.
«I nostri hotel devono diventare eccellenze – ha dichiarato Marco Calvaresi, presidente della sezione Turismo di Confindustria – fornendo servizi aggiuntivi che colpiscano il turista».
Trenta alberghi di San Benedetto e ottanta hotel della nuova provincia di Ascoli Piceno convenzionati con Confindustria Turismo sceglieranno se aderire a questa innovativa “campagna di promozione”, (già dieci di questi hanno dato il loro consenso), contribuendo così a realizzare un pacchetto turistico vario e multisfaccettato.
Dunque, questa estate nelle hall degli alberghi sarà possibile ammirare alcuni esempi di “scarpe gioiello” firmate da Marco e Katia Massetti, due fratelli che hanno fatto del loro studio stilistico di Porto Sant’Elpidio, un’officina del lusso da portare ai piedi, creando sandali realizzati con prodotti speciali, quali cristallo Swarosvki, pellame pregiato, corallo bianco e addirittura oro. I sandali Massetti saranno in esposizione all’interno degli alberghi a disposizione dei villeggianti, che, se interessati, potranno, tramite l’albergo, mettersi in contatto con lo studio Massetti per provare e acquistare le preziose calzature.
Ma non finisce qui. Non solo scarpe, anche le ceramiche di Ascoli, protagoniste e rappresentanti di una città che dell’arte e delle tradizioni artigiane ha fatto il suo stile di vita, avranno un ruolo di primo piano in questa stagione 2008.
Molti i ceramisti ascolani hanno già aderito alla convenzione, tra questi il giovane Andrea Fusco, che metterà in vendita le sue ceramiche a tutti quei turisti che vorranno tornare con un po’ di Ascoli in valigia.
Inoltre sarà dato spazio alla cultura, con i libri messi a disposizione per esser letti e acquistati. Una convenzione con la libreria Rinascita di Ascoli, (e in un secondo tempo con “Nuovi Orizzonti” di San Benedetto), fornirà edizioni da poco uscite sul mercato, ma anche testi del nostro territorio e delle sue tipicità.
La convenzione più importante, sicuramente la più innovativa, è tuttavia quella che Confindustria ha realizzato con le Poste Italiane, riuscendo a dare un nuovo imprinting al business della provincia. Nasce infatti il progetto Poste Business, un ufficio postale dedicato a professionisti che si propone quale unico interlocutore delle piccole e medie imprese con soluzioni uniche. Saranno aperti prima di maggio due punti, uno a Grottammare e l’altro a Porto d’Ascoli, due uffici postali interamente dedicati alle aziende, attivati in via del tutto sperimentale in Italia, (solo tre infatti presenti sul territorio nazionale, uno già aperto a Lucca e i prossimi due nelle Marche).
All’interno di questi uffici verranno soddisfatte le esigenze aziendali a trecentosessanta gradi: l’albergo infatti potrà usufruire di servizi di stampa, grafica, recapito di materiale informativo direttamente nelle abitazioni dei clienti, ma non solo, anche individuazione tramite la banca dati delle Poste di potenziali clienti, offerte di finanziamento, leasing, gestione clienti.
«Confiundustria sta puntando sul business – ha detto Calvaresi – dopo l’esperienza positiva della Bit di Mialno, abbiamo capito quanto interesse ha suscitato il nostro territorio all’estero, e stiamo lavorando per promuoverlo al meglio».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 895 volte, 1 oggi)