ASCOLI PICENO – Torna “Fritto Misto all’Italiana“, nella città che di una particolare forma di fritto – l’oliva all’ascolana – ha fatto quasi un marchio di riconoscibilità territoriale. Dal 1° al 4 maggio stand gastronomici presenteranno, tra piazza Arringo e il chiostro di San Francesco, specialità delle regioni italiane e dei Paesi stranieri, per una quarta edizione ricca di novità.A fare gli onori di casa, naturalmente, ci saranno proprio le olive fritte ascolane, accompagnate da cremini dolci e altre saporite chicche di altre regioni: arancine, caponata e cannoli dalla Sicilia, pizza fritta dalla Campania, peperoni fritti e cipolline di Tropea dalla Calabria, carciofi, coniglio e fiori d’acacia dalla Toscana, formaggio fritto dall’Abruzzo, amaretti, batsoà e frittelle di mele dal Piemonte e torta fritta con spalla cotta dall’Emilia Romagna.

Tra le specialità estere si potranno assaggiare i brewas dolci e salati, dal Marocco, i brasiliani bolinho de Chuva, i giapponesi frittura in tempura e, dall’Inghilterra fish & chips.

L’edizione 2008 vanta la presenza di chef di alto rango: la ventisettenne Loretta Fanella, con un presente già radioso come pasticciera, che proporrà le tecniche di lavorazione e di cottura di due noti dolci fritti, le chiacchiere di Carnevale e le frittelle di riso; Laura Ravaioli, ex consulente del gruppo Sheraton e ora di Gambero Rosso Channel annuncerà, invece, un viaggio alla scoperta di sapori esotici con ricette etniche; Antonio Tubelli, noto cuoco, presenterà il fritto dall’Occidente all’Oriente, da Napoli al Giappone e Aurelio Damiani, raffinato interprete della cucina marchigiana, esporrà il fritto marchigiano dalle olive ripiene al misto di paranza.

«L’idea della manifestazione – ha sottolineato l’assessore regionale Luciano Agostini, neoeletto deputato con il Pd – è nata dalla selezione delle iniziative, dando il giusto rilievo e caratterizzandola sul territorio. Occorre concentrarsi su poche iniziative di qualità per sviluppare quella proiezione nazionale necessaria per valorizzare le Marche. Naturalmente, Fritto Misto si è sviluppata non perdendo d’occhio l’organizzazione dei pacchetti turistici che aumenta i flussi turistici nelle nostre zone. Insomma, ci sono tutte le premesse per far diventare questo evento come l’EuroChocolat del Piceno».

La quattro giorni non stop sarà articolata da due sezioni, aperte dalle 12 alle 15 e dalle 18 alle 21.30: il “fritto di strada nella tradizione italiana” di scena a piazza Arringo, con numerosi padiglioni ben attrezzati e il “fritto nella cucina internazionale” nel chiostro di San Francesco, con l’allestimento di un “ristorante tipico”.
Non mancherà il vino, con uno spazio dedicato al Rosso Piceno – gestito dalla Vinea di Offida, in occasione del quarantesimo anniversario della Doc Rosso Piceno – uno per gli aperitivi a base di bollicine e un altro per le singole aziende. Nell’area degustazione, inoltre, saranno previsti numerosi appuntamenti di approfondimento.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 4.029 volte, 1 oggi)