GROTTAMMARE – Fermento fra le aziende locali, interessate all’energia sostenibile. La Western Co., di San Benedetto del Tronto, ha studiato tre sistemi tecnologici, che coniugano in perfetta armonia risparmio energetico, sostenibilità ed automazione. L’azienda sambenedettese, impegnata nella progettazione e produzione di sistemi di ottimizzazione dell’energia solare fotovoltaica, propone la “Leonardo Tower“, il “Lampione a LED” e il Galileo”, durante la Conferenza delle Nuove Energie di Grottammare (dal 25 al 27 aprile presso il Kursaal).

Nel corso dell’iniziativa sarà illustrata l’ipotesi progettuale per la realizzazione di un albergo ecologico. «Si tratta di una novità assoluta che rivoluziona, in un certo senso, anche la concezione di turismo – ha spiegato Giovanni Cimini, presidente di Western Co e del Consorzio Elmec – ritengo infatti importante che il turismo tuteli il patrimonio sul quale fonda la sua attività sviluppandosi coerentemente ai principi di “sostenibilità” ovvero in modo da rispondere ai bisogni delle generazioni attuali senza compromettere la capacità delle generazioni future di rispondere ai propri».

I TRE SISTEMI TECNOLOGICI Il primo, “Leonardo Tower“, è una stazione energetica completa, montata su un palo standard per illuminazione stradale. Utilizza esclusivamente energie da fonte rinnovabile e può operare in completa autonomia attraverso varie combinazioni di energia solare, eolica e batterie.

Il “Lampione a LED” è ad energia solare fotovoltaica, grazie ad una nuova sorgente di luce realizzata con diodi luminosi (Led) e si caratterizza anche per caratteristiche peculiari come la luce di colore e, dunque, una migliore percezione dei colori e dei dettagli da parte dell’occhio umano a parità di illuminazione. L’emissione di luce è inoltre unidirezionale e, quindi, assicura la totale assenza di inquinamento luminoso.

Il “Galileo” è un sistema tutto italiano che nasce grazie al know-how di Western CO., da oltre vent’anni nel settore fotovoltaico, e sfruttando i risultati maturati da Ricerca e sviluppo “Made in Italy”. Si tratta di un sistema ad inseguimento solare che utilizza sensori di irraggiamento con un alto rendimento.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 808 volte, 1 oggi)