LANCIANO – Chiesta la retrocessione diretta del Lanciano in C2: sono questi i “rumors” che provengono dalla città abruzzese in merito alle decisioni della Procura federale. Riportiamo di seguito una notizia pubblicata dal giornale on line Lanciano.it.

Il club rossonero direttamente in serie C2: pare sia questa la richiesta avanzata dalla Procura federale per gli illeciti commessi dalla società al momento dell’iscrizione al campionato in corso. Non si può parlare di fulmine a ciel sereno, visto che già ieri sera, durante una trasmissione televisiva di Rete8, l’avvocato Eduardo Chiacchio che difende il Lanciano Calcio, aveva definito arrivare ai play-out «un miracolo».

Non è escluso che il legale possa effettivamente ripetere la “prodezza” di qualche settimana fa, quando per il Lanciano furono chiesti nove punti di penalizzazione, ma ne arrivarono soltanto due.

Decisamente più leggera invece la richiesta per il Pescara, imputato comunque solo di ritardi nei pagamenti: nella peggiore delle ipotesi i biancazzurri se la caveranno con uno o due punti di penalizzazione.

La sentenza è attesa nelle prossime ore, e non scriverà in ogni caso la parola fine su questa tribolata fase della storia del calcio frentano: anche in C2, servirà pur sempre una nuova società che riscatti il titolo sportivo dopo il fallimento.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 918 volte, 1 oggi)