SAN BENEDETTO DEL TRONTO – E’ stato presentato il ricco calendario di appuntamenti che caratterizzano “Paesaggi di costa e di frontiera”, sezione del Festival “Saggi Paesaggi” della Provincia dedicata alla storia dei borghi alti di mare, allo sviluppo della città costiera ed al parco marino come opportunità di sviluppo turistico eco-sostenibile. «Si tratta di una sezione dove il passato si intreccia con la contemporaneità e il futuro per offrire suggestioni – ha spiegato l’assessore provinciale alla cultura Olimpia Gobbi – ma anche spunti di riflessione per interpretare i luoghi ed contesti del territorio in cui viviamo attraverso una lettura profonda e consapevole del paesaggio e delle sue articolazioni».

A San Benedetto la mostra “Borghi e Barche. Paesaggi e mestieri della pesca tradizionale in Adriatico tra ‘800 e 900”, presentata dall’assessore alla Cultura Margherita Sorge, sarà inaugurata alle ore 16.30 di giovedì 24 aprile e ospitata in due sedi: Palazzo Bice Piacentini e al primo piano del Mercato ittico. «La mostra racconta, attraverso eccezionali reperti fotografici, filmati, istallazioni, dipinti, la grande epopea della pesca tra ottocento e novecento – ha spiegato il curatore dell’esposizione Gino Troli – focalizzandosi sulla grande crescita registrata in questa fase storica dalla marinerie veliche di Chioggia, Cesenatico, Pesaro, Fano, San Benedetto del Tronto, Molfetta e, sulla costa dalmata, di Hvar, sede di una sezione della rassegna». La mostra è organizzata nell’ambito del progetto “Neptune”, finanziato dal programma “Interreg” dell’Unione Europea e volto al recupero delle radici culturali comuni e alla regolamentazione dell’ittiturismo e del pescaturismo nell’area adriatica.

Dal 19 aprile al 25 maggio gli straordinari borghi costieri di Grottammare alta, Marano di Cupra Marittima e Torre di Palme saranno resi ancora più suggestivi da allestimenti che mettono in mostra 15 “manifesti” di architettura proposti da un gruppo di giovani laureati provenienti da tutta Italia e selezionati con un concorso di idee promosso dalla facoltà di Architettura di Ascoli Piceno dell’Università di Camerino. Gli allestimenti prevedono un percorso-sequenza definito da teli bianchi, orizzontali e verticali, che corrono su fili tesi tra gli antichi edifici come vele sospinte dal vento.

Giuseppe Torquati, sindaco di Cupra Marittima, ha illustrato la ricca cornice di eventi culturali ed eno-gastronomici che farà da sfondo agli allestimenti del Borgo antico di Marano, iniziative nate dalla passione di giovani ed associazioni cuprensi, come l’Associazione Alta Fedeltà.

Sempre giovedì 24 aprile, alle ore 9.30, al Teatro dell’Arancio di Grottammare, si svolgerà il convegno nazionale sulle opportunità offerte dai parchi marini: interverranno esperti provenienti da diverse strutture nazionali che porteranno il loro contributo e la loro esperienza, mentre l’Università degli Studi di Camerino esporrà uno studio specifico realizzato negli ultimi anni sulla creazione del Parco marino del Piceno.

Infine, da segnalare sabato 26 aprile, alle ore 18.30, sempre al teatro dell’Arancio di Grottammare l’appuntamento con Luisa Bonesio e Francesca Saffiotti, due esperte di geofilosofia del paesaggio: un’iniziativa di grande spessore culturale

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 979 volte, 1 oggi)