ASCOLI – I carabinieri hanno eseguito un’ordinanza di arresto per un nigeriano di 28 anni (E.K), individuato come il punto di riferimento in Italia, insieme ad un connazionale, di un grosso traffico internazionale di stupefacenti.
La droga viaggiava per posta. L’arresto è stato determinato dall’intercettazione di due pacchi spediti per via area dalla Nigeria, contenenti quattro chili e mezzo di marijuana.
E. K. è residente a Castel di Lama, ha un regolare permesso di soggiorno ed è stato accusato di traffico internazionale di stupefacenti.
I pacchi venivano spediti dapprima a Londra dal paese africano. Proprio nella capitale britannica erano stati segnalati come sospetti dalle autorità locali al nostro Ministero dell’Interno.
Poi sono scattati i controlli e l’identificazione dei destinatari. La droga era confezionata in panetti e avvolta in materiale che sviava l’olfatto dei cani antidroga. Il presunto complice di E.K è ancora irreperibile. Su di lui pende un mandato di cattura da parte della Procura della Repubblica di Ascoli.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 3.778 volte, 1 oggi)