ASCOLI PICENO – Un lungo weekend pieno di sorprese per la Questura di Ascoli Piceno.
Quello appena trascorso è stato infatti un fine settimana di duro lavoro per le forze di Polizia.
Venerdì 18 aprile, alcuni agenti hanno fermato un pregiudicato di 40 anni, P. E., trovato in possesso di 8 grammi di eroina.
La droga, contenuta in un involucro, era ben nascosta dall’uomo nella tasca del giubbotto che indossava ed è stata scoperta in seguito all’attività di controllo esercitata dalle Forze dell’Ordine in alcune località cittadine dove erano state notate attività di spaccio di stupefacenti.
Dopo le formalità di rito, P. E. è stato condannato agli arresti domiciliari a causa delle sue condizioni di salute.
Sempre venerdì 18 aprile, veniva controllato un altro pregiudicato per delitti in materia di stupefacenti, il cinquantenne E. P., il quale, alla vista degli agenti della volante, aveva tentato di gettar via due involucri contenenti 2 grammi di cocaina, prontamente recuperati dagli agenti.
E. P. è risultato essere sorvegliato con patente di guida revocata, dunque è stato denunciato per gli ulteriori illeciti.
Domenica 20 aprile invece la Squadra Volante, su segnalazione della Sala Operativa, si è recata in viale Federici dove erano state notate due persone intente a rubare scossaline di rame all’esterno di un edificio di proprietà dell’Asur Marche.
I due, D. S. S., pregiudicato di 32 anni e A. G. di 40 anni sono stati arrestati.
Durante la notte di domenica, infine, due giovani a bordo di due ciclomotori, sono stati notati dalla Squadra Volante, mentre viaggiavano lungo la Picena Aprutina, con le luci posteriori non funzionanti. Gli agenti, per evitare incidenti, hanno intimato ai due di fermarsi. Per tutta risposta i due hanno aumentato la loro velocità, tentando al contempo di coprire le targhe.
Insospettitasi, la Squadra Volante, ha iniziato a inseguirli. Al centro di Ascoli i due giovani hanno abbandonato i ciclomotori e si sono allontanati di corsa nelle zone circostanti.
I due sono stati tuttavia rintracciati presso le loro abitazioni. Essendo entrambi minorenni, sono stati subito informati i genitori.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 599 volte, 1 oggi)