SAN BENEDETTO DEL TRONTO – L’Amministrazione comunale ha riconfermato la propria fiducia verso Scultura Viva, che, come ogni anno, per la dodicesima edizione, si terrà presso il Molo Sud, dal 21 al 28 giugno, grazie al contributo dell’amministrazione, della Fondazione Carisap e dell’Assesorato alla Cultura della Provincia.

Come da tradizione gli scultori parteciperanno da tutta Europa: Simone Beck da Milano, Sestilio Burattini da Perugia, Regis Chaperon dalla Francia, Dominika Griesgraber Varsavia; Chris Peterson di Amsterdam; Agnessa Ivanova Petrova di Sofia (Bulgaria) e la spagnola Ana Ruiz che vive in Inghilterra. L’artista locale sarà Giovanni Colonnella di Porto d’Ascoli.

«Gli artisti, come sempre – spiega l’organizzatore della rassegna, Piernicola Cocchiaro – sono stati scelti in base al loro curriculum ed alle loro qualità scultoree, con uno sguardo attento agli stili espressivi di ognuno ed alla provenienza internazionale».

La novità di questa edizione riguarda l’istituzione di una sezione riservata ai giovani talenti, «allo scopo di dare loro uno spazio che possa essere una importante occasione per incominciare a farsi conoscere».

Quindi oltre alle opere degli artisti già citati, si potrà ammirare anche quella della giovane artista tedesca di Francoforte Katharina Wackerman, che frequenta l’Accademia di Belle Arti di Dusseldorf.

Con le opere di quest’anno, il numero delle sculture raggiungerà quota 97 unità. Un grande successo che era difficile prevedere nel 1996 quando nacque Scultura Viva. Come sempre l’organizzazione del Simposio sarà curata dall’Associazione artistico-culturale “l’altrArte” che, insieme all’Associazione Albergatori che ospita gli artisti e alla Ditta Elettropneumatica di Posto d’Ascoli che fornitrice l’aria compressa, segue l’iniziativa sin dalla sua nascita.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.273 volte, 1 oggi)