SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Elezioni politiche ed elezioni amministrative, due votazioni differenti per tipologia di liste politiche in competizione, dinamiche di voto e dinamiche di scelta dei propri rappresentanti da parte degli elettori.
Il successo del Popolo della Libertà anche nelle votazioni dei sambenedettesi del 13 e del 14 aprile viene comunque considerato dal centrodestra come un chiaro segnale politico dei cittadini verso la giunta Gaspari.
«Hanno voluto punire il governo locale, che millanta cose come il Piano Regolatore, il Piano Spiaggia, il regolamento per l’occupazione di suolo pubblico, il completamento del lungomare nel 2010, ma che alla prova dei fatti ha offerto ben poca concretezza», giudica il coordinatore comunale di Forza Italia Andrea Assenti.

«La città è paralizzata, sulla scorta del successo nelle elezioni politiche ora puntiamo alla vittoria nelle elezioni provinciali del 2009», sostiene Luigi Cava di An, facendo questo ragionamento: «In campagna elettorale Rifondazione Comunista e il Psi hanno fatto proclami per chiedere verifiche del programma e rimpasti della giunta. E ora? Non è che dopo la batosta del 13 aprile cambieranno le loro valutazioni per difendere assessorati e poltrone nelle partecipate?».
Insomma, il Pdl si sente più che mai legittimato a proporre una nuova classe dirigente per la città nel 2011.

«Gaspari dice che non ci sono legami fra le elezioni politiche e quelle amministrative – sostiene Bruno Gabrielli, Forza Italia – perciò ora la giunta rimanga com’è, senza rimpasti. Invece io sono convinto che ci saranno cambiamenti, quindi un certo legame c’è. La città è ferma, il turismo non decolla, alla vigilia del week end del 25 aprile sulle spiagge ci sono ancora i tubi per il ripascimento».

Felicetti del Pri chiede agli eletti nelle Marche di tenere presente i problemi del Piceno, e di far arrivare anche qui la terza corsia dell’A14.

Pasqualino Piunti fa questa analisi, rimarcando la differenza fra il voto sambenedettese favorevole al Pdl e quello meno favorevole di Ascoli, città storicamente di centrodestra: «Ora è San Benedetto la roccaforte del centrodestra nelle Marche». E il suo collega di An Luca Vignoli: «Luciano Agostini dice che queste elezioni lanciano il Pd a riconquistare Ascoli. Cosa dire di San Benedetto allora?».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.329 volte, 1 oggi)