SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Precedenza agli ospiti. Dinanzi ai microfoni giunge Urbano, di scuola Juve. E non le manda a dire: «Morini è stato bravo a cercare il contatto che poi non ha trovato. Perché non è stato ammonito? Chiedetelo all’arbitro. Anche per noi c’era un rigore che il direttore di gara non ha visto. Il calcio è fatto anche di episodi, a volte a favore a volte contro. Non eravamo venuti a San Benedetto per un pari, ci siamo difesi bene e alla fine il punto è guadagnato».

Contrario il capitano della Samb Tinazzi: «Il rigore era evidente, se l’arbitro non ha visto perché non l’ha ammonito? Comunque il punto di oggi ci ha permesso di muovere la classifica. Non era semplice giocare contro una squadra che ci ha chiuso ogni varco. Ci sono mancate la cattiveria e un pizzico di fortuna».

Sul prossimo match: «Dobbiamo prepararci al meglio perché possiamo tirarci fuori dalla zona pericolosa con la giusta grinta. A Massa dobbiamo strappare via punti importanti. Avevamo paura? Prima di scendere in campo ci siamo detti di usare la testa, di non sbagliare per poter continuare a mantenere le distanze dalle concorrenti».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 707 volte, 1 oggi)