ANCONA – Retromarcia: sfuma il progetto promosso dall’Ancona Calcio di Sergio Schiavoni e dal Centro Sportivo Italiano, promosso a partire dallo scorso autunno, per applicare un decalogo etico a una società sportiva.

L’idea fece molto discutere anche a San Benedetto, per via della presenza di un sambenedettese, Edio Costantini, alla presidenza del Csi. Lo stesso Costantini ha dichiarato: «La presidenza nazionale del Csi ha deciso che continueremo a collaborare con il Progetto Soccer per l’Ac Ancona ma al di fuori del suo Cda, in quanto la società del presidentte Schiavoni non ha investito un centesimo nel nostro progetto».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.380 volte, 1 oggi)