SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il grande tennis internazionale tornerà al circolo Maggioni dal 5 al 13 luglio prossimi. Ufficiale infatti la data della Carisap Cup, un torneo Atp Challenger da 35 mila euro di montepremi che rinverdirà una tradizione interrotta due anni fa, con la disputa di un Futures ITF da 10 mila dollari.
Ci saranno le promesse emergenti del tennis del circuito dei Challenger – il primo gradino per scalare le classifiche professioniste dell’Atp – e i veterani che vorranno prendere punti per risalire il ranking.
Originariamente in programma per la settimana di Ferragosto, la Carisap Cup ha approfittato del forfait di Mantova, che ha rinunciato al proprio torneo per difficoltà economiche.
Lo spostamento è stato gradito agli organizzatori perché darà vantaggi logistici e una visibilità maggiore. Dice Cristina Gnocchini della Meet Eventi, agenzia marchigiana che cura e gestisce molti tornei del genere: «Per prima cosa si tratta di una data di poco successiva a Wimbledon, quindi per molti sarà un canale di sfogo. E poi San Benedetto inaugura un percorso adriatico dei giocatori ideale ad esempio per la preparazione degli “argentini terraioli”. In quei giorni ci saranno Challenger a Rimini, San Marino, e poi più a nord, a Pordenone».
In sei edizioni del torneo internazionale di San Benedetto (Itf Futures nel 1999, 2000 e 2005, Atp Challenger nel 2001, 2003 e 2004) la terra rossa del Maggioni è stata calcata da futuri campioni, come Nicolas Almagro, Daniele Bracciali, Potito Starace, Martin Vassallo-Arguello e Stanislas Wawrinka.
IL MAGGIONI SI RIFA’ IL TRUCCO Il presidente del circolo Tennis sambenedettese Pierluigi Tassotti coglie l’occasione per fare il punto sul restyling della storica struttura. «Grazie a un finanziamento di 180 mila euro da parte della Fondazione Carisap abbiamo pagato due terzi delle spese per il nuovo campo di gioco coperto e per la nuova palestra polifunzionale. Ringrazio la Carisap e il suo presidente Domenico Malavolta, ringrazio il Comune di San Benedetto per il finanziamento di 50 mila euro al torneo, subito convertito nel rifacimento degli spogliatoi. Altri sostenitori importanti sono la Regione Marche, la Provincia di Ascoli, la Camera di Commercio, Spina Costruzioni e Radio Azzurra».
Durante il torneo il Maggioni avrà un villaggio ospitalità per eventi di intrattenimento collegati, degustazioni enogastronomiche e l’immancabile contorno mondano. L’organizzazione in quei giorni conta di portare in Riviera anche vecchie glorie del tennis italiano e internazionale.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.954 volte, 1 oggi)