GROTTAMMARE – La stagione estiva è ormai alle porte, i comuni si apprestano a mettere in atto tutte quelle attività necessarie per ridurre la proliferazione della zanzara tigre, il tipico insetto che caratterizza ormai da diversi anni l’estate della riviera. L’ufficio Ambiente del Comune di Grottammare ha incaricato una ditta specializzata per effettuare un intervento straordinario antilarvale specifico per la zanzara tigre, che si svolgerà entro il perimetro urbano nei giorni di martedì 8 e mercoledì 9 aprile. In caso di pioggia, tutto verrà rinviato alla settimana successiva.

L’intervento, che si aggiunge ai servizi previsti nell’ambito del tradizionale programma annuale di derattizzazione , disinfestazione e fumigazione, prevede trattamenti con prodotti autorizzati dal Ministero della Sanità all’interno di tutte le caditoie delle acque bianche dell’intero centro abitato e nelle vasche di accumulo delle acque nere.

Dall’ufficio Ambiente, però, avvertono che la lotta alla zanzara tigre non può avere esiti positivi senza il coinvolgimento della popolazione: i siti a rischio di infestazione nelle aree pubbliche sono infatti solo il 20-30% del totale, mentre il rimanente 70-80% delle zone a rischio è di proprietà privata.

È quindi necessario che i cittadini mettano in atto misure di prevenzione e di trattamento nelle aree di loro competenza. É importante eliminare i sottovasi o almeno evitare il ristagno di acqua al loro interno, verificare che le grondaie siano pulite e non ostruite, coprire le cisterne e tutti i contenitori dove si raccoglie l’acqua piovana con coperchi ermetici, teli o zanzariere ben tese, tenere pulite fontane e vasche ornamentali, eventualmente introducendo pesci rossi che sono predatori delle larve di zanzara tigre. Da evitare l’accumulo di copertoni e altri contenitori che possono raccogliere anche piccole quantità di acqua e il ristagno sui teli utilizzati per coprire cumuli di materiale e legna.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.105 volte, 1 oggi)