Troiani & Ciarrocchi Monteprandone-Nova Abellinum 26-25

MONTEPRANDONE: Vecchione, Falà, Bisirri 4, Poletti F. 3, Poletti M. 1, Poletti D. 1, De Cugni, Limoncelli 5, Sciamanna 11, Veccia 1, Fanesi, Grilli, D’Angelo, Troisi. Allenatore: Iadarola.

NOVA ABELLINUM: Ambrosone 2, Carmando 4, Crincoli 5, Di Gisi 1, La Rocca 4, Ledesma, Luciani 7, Mastropietro, Russo, Ruiz Escobedo 2, Ragno. Allenatore: Fusco.

Arbitri: Bega e Gentile di Ferrara.

Note: espulsi La Rocca e Limoncelli a 22′ 19” del st.

Parziale primo tempo: 10-13.

MONTEPRANDONE – Quarta vittoria consecutiva e secondo posto adesso a 4 punti. Continua la rincorsa della Troiani & Ciarrocchi Monteprandone, che al Colle Gioioso supera la capolista Avellino, rinfocolando le speranze di strappare il secondo biglietto che vale la promozione in A2.

Celesti inarrestabili: fatta salva la sconfitta in casa contro il Guardiagrele, ora in vetta alla classifica in solitudine, non hanno mai perso una partita nel girone di ritorno. «Sono contento perché i ragazzi hanno giocato ad altissimi livelli. Se vinciamo anche le ultime due partite possiamo sperare nella promozione» ha sentenziato a fine partita il presidente Livio Sciamanna.

Il numero uno del sodalizio monteprandone ha ragione: i tre punti incamerati contro gli irpini sono importanti, ma bisognerà superare le prossime due prove e sperare anche in risultati favorevoli delle altre squadre del girone D-E. I celesti ad ogni modo hanno un valido motivo per non mollare.

Ma torniamo al match di sabato scorso contro Avellino. Partono subito in attacco i padroni di casa e, dopo il primo minuto di gioco, sono già in vantaggio di 2 reti. L’Avellino guadagna un rigore che Vecchione para senza difficoltà, ma continua a spingere e trovato il pareggio si fa agguerrita. I celesti tengono testa ai campani e la gara sale di tono, con le squadre che si alternano da una parte all’altra del campo. Al 27′ i celesti giocano per 4′ minuti senza capitan Fabio Poletti e Limoncelli. Gli avversari riescono a portarsi in vantaggio: il primo tempo si chiude 13-10 a loro favore.

Nella ripresa la Troiani & Ciarrocchi pensa subito a ristabilire gli equilibri con un gol di Limoncelli subito dopo il fischio d’inizio e al 3′ siamo sul 13 pari. Inizia la rincorsa: punto su punto le due squadre danno prova della propria abilità, alternandosi al comando. Diverse irregolarità commesse dai giocatori campani costringono gli arbitri a decretare dei rigori a favore dei celesti: il solito Sciamanna non manca mai di andare a segno.

La tensione per le sorti di una partita così importante si fa sentire: al 22’19” La Rocca accende un’animata discussione in campo, Limoncelli protesta e i direttori di gara mostrano a entrambi il cartellino rosso. Si riparte. L’Avellino è in vantaggio di 2 reti, i celesti sembrano in difficoltà, ma ritrovano subito lo smalto e risalgono la china. Soffertissimi gli ultimi minuti, ma la Troiani & Ciarrocchi opera il sorpasso fissando il punteggio sul 26-25.

Sabato prossimo la formazione celeste sarà ospite in quel di Vasto. Sognare si può.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.236 volte, 1 oggi)