Sira Ancona-Mail Express San Benedetto 0-3
SIRA: Zappi 6, Giancamilli 6, Manuali 9, Saracini (L), Rossetti 9, Frontini 1, Brocanelli, Faraoni 3, Masuzzo 2. Allenatore: Ferrante.
MAIL EXPRESS: Della Nina 4, Jurewicz 19, Gaspari 4, Faraone 3,  Timpanaro, Grigolon 16, Ciancio (L), Rossetti 1, Raffaelli 7, Caucci, Piccirillo, Timpanaro. Allenatore: Brutti.
Arbitri: Monterisi e Materdomini.
Parziali: 19-25 (21′), 14-25 (22′), 16-25 (23′).

ANCONA – La vetta resta a 8 punti (lassù c’è il Bellaria), ma la Mail Express, a quattro giornate dalla fine, ha dimostrato di essere di parola: ci crede ancora e non ha nessuna intenzione di mollare la presa. Ma soprattutto: il secondo posto, quello che le garantirebbe gli spareggi per aggiudicarsi un altro posto in B1, è più che alla portata. Un solo punto, infatti, dividono i marchigiani da Galatone, vittorioso, seppure a fatica, nel derby salentino contro Calimera.

Ad Ancona non c’è stata praticamente mai partita. Gli ospiti si sono fatti bastare poco più di un’ora di gioco per avere ragione di un avversario penalizzato da qualche assenza di troppo e comunque obiettivamente più debole.

Coach Brutti, un ex importante da queste parti, può ritenersi soddisfatto: i suoi ragazzi hanno fatto in pieno la loro parte. Il sestetto di Ferrante ha dovuto lasciare l’intera posta a una Mail Express più motivata.

La partita: la Sira tiene solo un set, il primo, ma nel momento topico viene fuori San Benedetto, che prende quasi il largo. Gli altri  due parziali raccontano di una squadra che sbanda in ricezione e di conseguenza fatica a pungere collezionando errori, mentre la Mail  Express imprime un ritmo impossibile da sostenere: servizio efficace, attacco puntualissimo con Grigolon e il polacco Jurewicz mattatori sotto rete.

Coach Ferrante prova a cambiare regia nel terzo set, ma la gara è ampiamente  segnata con i sambenedettesi che intascano tre punti preziosi per credere ancora nei play-off. Sull’altra sponda, dopo i buoni risultati degli ultimi due turni che avevano alimentato le speranze, Ancona deve ora fare i conti con una salvezza difficile da conquistare.

Per la Mail Express invece vietato mollare: sabato prossimo (ore 18), il penultimo impegno casalingo della stagione, contro l’Impavida Ortona, quarta a un solo punto.

LE ALTRE. Ancona amara invece per la seconda squadra maschile che si illude nel primo set ma poi perde la partita e pure le speranze di agganciare il terzo posto nel girone C di Serie D, piazzamento che le avrebbe garantito la possibilità di giocarsi la promozione. L’ultima sfida, sabato prossima, in casa contro Senigallia, sarà quindi poco più di una passerella. Ad Ancona, dicevamo, è finita 3-1 per i dorici. I parziali: 20-25, 25-17, 25-22, 25-23.

Sconfitta pure per la I Divisione femminile di Andrea Raffaelli che cede, tra le mura amiche, a un Rapagnano bisogno di punti play off. Finisce 3-0 per la formazione ospite, con i seguenti parziali: 21-25, 15-25, 24-26. Anche per le rossoblu sabato prossimo, in quel di Offida, l’ultimo impegno della stagione.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 662 volte, 1 oggi)