SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Inaugurata sabato mattina in via Gronchi 18 nel quartiere Agraria, la seconda ludoteca comunale. Si chiama Liquirì, è uno spazio di più di 200 metri quadrati in un’unica stanza, aperto dal martedì al venerdì dalle 16 alle 19 con ingresso gratuito (info: 0735.84815 oppure 0735.794259).
La ludoteca dispone di un centinaio di giochi di società in scatola, di altri da fare all’aperto, una zona di giochi di imitazione e una “area morbida” per i bambini più piccoli. In generale, giochi dei maggiori produttori europei, in materiali naturali (soprattutto legno), ma per lo più introvabili, in quanto vengono acquistati ogni anno in occasione della fiera mondiale del gioco che si svolge a Essen in Germania.
Molti bambini della scuola primaria Alfortville, guidati da maestre e dal dirigente scolastico Mario Gabrielli, hanno sperimentato subito la nuova struttura. Accanto a loro i rappresentanti e animatori della cooperativa sociale Systema, Francesco Ciarrocchi e Manuel Pucci, e don Alfonso Rosati della parrocchia San Giacomo della Marca, che ha impartito la sua benedizione su cose e persone.
Presente inoltre il presidente dell’Ente regionale per l’abitazione pubblica, Alessandro Filiaggi. L’Erap di Ascoli è infatti proprietario dei locali, affittati ad un prezzo convenzionato.
Anche il Lions Club ha contribuito, come hanno fatto gli stessi volontari del quartiere Agraria, in alcuni lavori.
L’assessore Loredana Emili ha ringraziato gli uffici comunali per il lavoro svolto, mentre il sindaco Giovanni Gaspari ha ricordato la serie di interventi già realizzati o in fase di realizzazione nel quartiere, dalla tensostruttura per la ginnastica artistica al trasferimento della sede di alcune associazioni culturali, al progetto preliminare per l’ampliamento della scuola materna Alfortville approvato pochi giorni fa, al campo da rugby e al nastro per il pattinaggio di prossima realizzazione.
«Un quartiere ha bisogno di servizi per contrastare il degrado, qualificarlo, e incoraggiare la stragrande maggioranza della popolazione che già oggi vive dignitosamente e nel rispetto delle regole a proseguire su questa strada, diversamente da quanto fa una piccola minoranza».

Il 16 novembre 2006 un primo spazio simile, la ludoteca Soqquadro, era stata inaugurata nel quartiere Ponterotto, presso l’ex scuola “Borgo Trevisani”, sempre riservata ai ragazzi dai 3 ai 14 anni e gestita dalla stessa cooperativa con gli stessi orari. Alcuni giochi sono pensati per l’ interazione tra i ragazzi e gli adulti che li accompagnano e possono restare in loro compagnia.
La ludoteca del Ponterotto ha oltre trecento iscritti e ospita ogni giorno circa 25 ragazzi. In più rispetto alla nuova offre anche un laboratorio per costruire giocattoli e dipingere. Anche nella nuova struttura verranno organizzate iniziative e giornate a tema analoghe a quelle previste nell’altra. Per esempio, la “giornata castellana” o “medievale”, la giornata “tutti allo zoo”, e, a fine maggio, la quinta edizione della Giornata mondiale del gioco, che coinvolgerà il centro cittadino con il ludobus e vari intrattenimenti. Per la prossima estate, infine, si sta organizzando una “Notte bianca dei bambini”, che si concluderà non oltre la mezzanotte e mezza.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.378 volte, 1 oggi)