SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La Samb a Castellammare di Stabia. Contro le “vespe” degli ex rossoblu De Rosa e Fanelli la squadra di Guido Ugolotti gioca l’ennesimo spareggio salvezza. All’andata, per la prima di mister Piccioni, che aveva preso il posto proprio del tecnico romano, fu una gara combattuta e incerta sino alla fine. I rossoblu in ogni caso, riuscirono a portare a casa una vittoria preziosa (2-1). Peseranno anche stavolta i punti in palio.

PRECEDENTI. Tre appena le apparizioni della Samb nello stadio “Menti”. Due in verità, visto che la gara del torneo edizione ’93-’94 si disputò sul neutro di Caserta per la squalifica dell’impianto gialloblu. Il primo precedente venne giocato nel ’52: finì 2-2.

L’ultimo è storia del campionato scorso (novembre 2006), con un 1-1 soffertissimo per la squadra marchigiana (in gol Carlini). C’è poi l’episodio avvenuto al minuto 65: l’infortunio del guardialinee Minardi, costrinse l’arbitro Magno di Catania a togliere la bandierina dalle mani anche all’altro assistente Fontanarosa, e, in nome di un’equa giustizia sportiva, ad incaricare nell’inedita veste di guardialinee i due allenatori in seconda, quello rossoblu Fabio Andreozzi e quello campano Alfonso Pepe.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 726 volte, 1 oggi)