GROTTAMMARE – Dopo la riunione programmata di lunedì scorso – 31 marzo – in cui hanno partecipato tutti i rappresentanti degli enti locali (12 Comuni e 2 Province) coinvolti nell’istituzione del Parco Marino del Piceno, alcune questioni sembrano essere mutate. Infatti sembra che i rappresentanti locali abbiano accolto le istanze di protesta delle associazioni dei vongolari, che vorrebbero una piattaforma di aiuto economico in caso di istituzione dell’area protetta che danneggerebbe particolarmente il loro lavoro.

A confermarlo è stato il Presidente della Provincia, Massimo Rossi: «La delibera con le nuove istanze presentate dai pescatori è stata mandata al Ministero dell’Ambiente, mentre la Regione Marche con l’approvazione della ripartizione del Fas, chiederà dei fondi – si parla di circa 1 milione di euro – da mettere a disposizione per la ristrutturazione del settore della pesca». L’iter di istituzione non si ferma, dunque, ma ci sarà un rinvio per l’approvazione del decreto di indirizzo (poiché i Comuni dovranno aspettare la nuova delibera del Ministero) confermata per dopo le elezioni.

«I Comuni e le Province hanno dimostrato la loro disponibilità ad approvare l’atto di creazione del Parco – continua Rossi – Anche i più scettici come Fermo, che non voleva che Porto Sant’Elpidio rientrasse solo con una frazione del suo territorio. Dobbiamo assolutamente porre fine all’iter, poiché c’è il rischio che la nostra Provincia perda il suo turno al Ministero per l’approvazione della creazione di quest’area».

Il presidente Rossi precisa anche che il Parco toglierà ai vongolari solo il 20% delle aree adatte alla pesca: questo può produrre dei disagi per il settore. «I vongolari dicono di aver avuto dei problemi a causa della scarsità del pescato. Credo che attuando un piccolo sacrificio potremmo creare un area che protegga l’habitat marino garantendo un risanamento della zona, situazione che sarà vantaggiosa per la pesca, grazie al risanamento del mare e dei corsi d’acqua».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 906 volte, 1 oggi)