Da Riviera Oggi n. 720

MONTEPRANDONE – Approvati il bilancio preventivo 2008 e il programma delle opere pubbliche: è stata una lunga maratona quella che ha visto impegnato il consiglio comunale di Monteprandone lunedì 17 marzo.
Protagonisti della discussione, sono stati il sindaco Bruno Menzietti e il consigliere di opposizione Luigino Calvaresi di “Città per lo sviluppo futuro”. Silenzio assoluto, o quasi, di tutti gli altri consiglieri; anche l’altra opposizione, quella del Partito delle Libertà, composta dai consiglieri Camilli e Massi, non è mai intervenuta. Tra Menzietti e Calvaresi, dunque, si profila un confronto che potrebbe sfociare, tra un anno, in una nuova sfida elettorale. Ma forse è ancora presto per parlarne.

Calvaresi ha contestato soprattutto le «grandi opere, progettate e poi “sprogettatte”, promesse, finanziate e non realizzate: il parco urbano, le piste ciclabili, l’asilo nido, il campo da calcio a Centobuchi, la bretella per collegare la zona industriale con quella zona artigianale, l’edilizia popolare, la viabilità e i servizi per la zona industriale, il sottopasso ferroviario, la piscina comunale, lo svincolo Ascoli-San Benedetto. Purtroppo si lavora più sulla manutenzione che sull’effettiva realizzazione di nuove opere».

Soddisfatto invece per il sindaco Bruno Menzietti che afferma di aver mantenuto tutte le promesse e gli impegni presi: «L’amministrazione ha lavorato e molto: non possiamo soltanto costruire, occorre anche fermarsi e lavorare per mantenere ciò che si è realizzato. I lavori per le opere sono avviati, e se ci sono dei ritardi sono stati determinati da cause esterne alla nostra volontà. La politica sociale è rimasta invariata, anzi le prestazioni offerte sono aumentate senza che ci sia stato un aumento delle imposte e dei servizi a domanda individuale».

È stata approvata anche la variazione al regolamento per l’applicazione della Tarsu, modificato in previsione delle agevolazioni previste per incentivare l’uso del centro di raccolta dei rifiuti. La ricicleria dovrebbe essere operativa entro l’anno, ma intanto si discute dei parametri da applicare per quantificare le agevolazioni: la quantità dei conferimenti calcolata in base ai componenti del nucleo familiare, i limiti massimi previsti e le modalità per accedere alle agevolazioni.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 606 volte, 1 oggi)