Dal settimanale Riviera Oggi numero 720

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Terza e ultima tappa della nostra inchiesta sugli istituti scolastici privati di San Benedetto del Tronto. Questa volta siamo andati all’istituto “Il Nazareno”, in via Curzi, presente in città da soli due anni.
Si tratta di un istituto privato parificato, ma di stampo cattolico.
Ci rechiamo nell’edificio per chiedere informazioni: vorremmo iscrivere un ragazzo che frequenta il terzo anno dell’Istituto Tecnico Commerciale, con poca voglia di studiare e con una media molto bassa, a rischio bocciatura. Incontriamo il dirigente scolastico, il signor Alemanno, che gentilmente ci fa accomodare e inizia a illustrarci il funzionamento dell’istituto.
Con grande sorpresa (positiva) appena chiediamo di poter iscrivere il ragazzo entro il 15 marzo per cercare di recuperare l’anno che probabilmente perderà, la risposta è un inatteso «legalmente si può fare, ma io lo sconsiglio. In due mesi il ragazzo non può certo recuperare ciò che non ha fatto in sei. Credo si possa parlare di un’iscrizione per il prossimo anno, non per questo».
Quando chiediamo se il prossimo anno il ragazzo può recuperare due anni in uno, nel caso quest’anno lo perdesse, la risposta è la medesima: legalmente si può, ma il dirigente non lo ritiene opportuno. Prosegue chiedendo di conoscere personalmente il ragazzo, dichiarando che generalmente decide lui chi ammettere all’istituto o meno: se il ragazzo è fortemente demotivato inutile perdere tempo e denaro.
Un po’ sorpresi, passiamo a domande inerenti il normale svolgimento delle lezioni e, diversamente dagli istituti precedentemente analizzati (Grandi Scuole e Humanae Litterae, in cui gli studenti fanno dalle 6 alle 9 ore settimanali), le lezioni si svolgono quasi come in una normale scuola pubblica. Gli studenti infatti hanno quattro ore di lezione al giorno, dal lunedì al venerdì. Il dirigente ci parla poi di tre o quattro ragazzi per ogni classe, quindi per ogni tutor, tutti dello stesso anno e dello stesso indirizzo con la possibilità tuttavia di riunire più ragazzi provenienti da indirizzi diversi con un solo tutor in caso gli alunni seguissero lo stesso programma.
Vogliamo saperne di più e chiediamo quanto sono preparati i tutor. Ci fa sapere che è lui personalmente a selezionare i curriculum che arrivano e a scegliere i tutor.
Passiamo al prezzo, quanto costa un anno al Nazareno? Circa 3500 euro e se si fanno due anni in uno il prezzo non sale. Possono esserci piccole variazioni, ma la somma è pressappoco questa. E i libri? Anche qui ai ragazzi vengono fornite delle dispense.
Ringraziamo e ce ne andiamo. Mentre scendiamo le scale vediamo alcuni ragazzi che sono di fronte al portone dell’Istituto in attesa di riprendere le lezioni. Facciamo qualche domanda. Uno studente ci dice: «Sì, è una scuola privata quindi c’è più elasticità. Quando faccio ritardo non devo andare dal preside per fare la giustificazione e ogni tanto salto le lezioni ma nessuno mi dice niente. Però mi trovo bene, gli insegnanti sono preparati, le lezioni ci sono tutte le mattine, abbiamo un calendario settimanale con lezioni ogni giorno». Ma quando gli chiediamo quanto paga annualmente, ci sorride e risponde «non lo so proprio, pagano mamma e papà».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 8.445 volte, 1 oggi)