SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Turismo e Adriatico. Erano queste le parole chiave del meeting transnazionale sul progetto comunitario “Marinas” (Modelling Adriatic Routes Integrating Networks and Areas in the Adriatic Sea) che si è svolto mercoledì 19 marzo all’auditorium comunale di San Benedetto del Tronto.
Il progetto, che si inserisce all’interno del programma dell’Unione Europea Interreg III, è volto a incoraggiare un’alleanza internazionale fra territori all’insegna del turismo e delle risorse storico-culturali per promuovere in maniera sinergica l’Adriatico e vede coinvolti i partner di paesi che si affacciano sul mare Adriatico (Provincia di Venezia, Ancona, Ascoli Piceno, Teramo, e Lecce, Regione di Durazzo, Camera di Commercio di Uzice, Contea di Spalato, Città di Bar).
L’impegno che si vuole portare avanti è quello di costruire una rete di soggetti pubblici e privati capace di proporre servizi da diporto innovativi e pacchetti turistici integrati tra mare ed entroterra che spazino dalla cultura all’enogastronomia, fino allo shopping.
Il convegno, coordinato da Giampaolo Emidio Paoletti, dirigente del Servizio Politiche Comunitarie della Provincia, ha visto la partecipazione del Presidente della Provincia Massimo Rossi che ha sottolineato l’importanza di un modello di turismo sostenibile e dell’enorme patrimonio culturale del nostro territorio da conservare e valorizzare. Presenti anche l’assessore alle Attività Produttive e Turismo della Provincia di Teramo Orazio di Marcello e il sindaco del Comune di San Benedetto del Tronto Giovanni Gaspari che hanno portato il loro saluto ai lavori introdotti da Nino Capriotti, assessore provinciale alle Politiche Comunitarie.
Tra i relatori: Moreno Menotti, responsabile dell’Ufficio Europa della Provincia di Ancona, Piergiorgio Tittarelli, dirigente del Servizio Politiche Comunitarie della Provincia di Teramo e Giorgio Rocchi, direttore della Società partecipata “Piceno Sviluppo”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 453 volte, 1 oggi)