MONTEPRANDONE – “Conoscere per conoscersi”: un progetto educativo per dialogare sui temi dell’affettività e della sessualità in modo adeguato, nel rispetto dei bisogni evolutivi e delle caratteristiche peculiari dei bambini. Si è concluso venerdì 14 marzo, presso l’aula magna della scuola elementare di Centobuchi, l’ultimo incontro serale del percorso educativo “Conoscere per conoscersi” organizzato per le classi della quinta elementare dall’Istituto scolastico di Monteprandone.

La metodologia interattiva del raccontare, nonché gli strumenti adeguati all’età e il linguaggio utilizzato dalle esperte Renata Bastiani e Giuditta Soave hanno creato un clima disteso che ha favorito una migliore acquisizione dei contenuti. La collaborazione della nuova dirigente Francesca Fraticelli e delle insegnanti, ha reso possibile il confronto e l’emergere delle curiosità amplificate dagli stimoli mediatici a cui sono ogni giorno sottoposti i bambini.

Il progetto, facoltativo e svolto in orario extracurriculare – 4 incontri di 2 ore – ha registrato una notevole adesione delle famiglie che sono intervenute numerose alle riunioni serali: con i genitori sono stati realizzati incontri all’inizio e alla fine del percorso, con l’intento di condividere e raccontare l’esperienza vissuta dagli alunni in classe e in famiglia.

A giudicare dalle tante domande raccolte dalle ideatrici e responsabili del progetto, i bambini vogliono risposte reali alle loro curiosità sulla sessualità umana: sono domande timide, ingenue ancora prive di una malizia tanto temuta dagli adulti, che necessitano però di informazioni adeguate trasmesse con un linguaggio dolce, scientifico, riconducibile a concetti di normalità, di relazione, di sentimenti.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 481 volte, 1 oggi)