SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il Riviera delle Palme vestito a festa stona con il clima di tensione che precede, giustamente, la sfida salvezza contro la Pistoiese.
In mattinata lavori di risistemazione nell’impianto di Viale dello Sport, dove, per la giornata rossoblu – pagheranno anche gli abbonati, ma la società farà entrare gratis i bambini delle scuole cittadine e del comprensorio, regalando a tutti i presenti cappellini della Samb – sono stati appesi alle inferriate del primo anello tanti striscioni rossi e blu.
La squadra di Ugolotti intanto sudava al campo Ciarrocchi per preparare gli ultimi dettagli in vista di «una partita molto difficile, forse la più difficile di tutte», come ci tiene a sottolineare il tecnico nativo di La Spezia. Che continua: «Affronteremo una Pistoiese che, dopotutto, potrebbe accontentarsi del pareggio. Noi invece siamo obbligati a vincere».
E non potrebbe essere altrimenti. Samb alla ricerca di un successo che manca da quasi un mese e mezzo (era il 10 febbraio: 2-0 al Martina) e che nelle ultime quattro partite a mandato a referto un solo punto (pareggio casalingo contro l’Arezzo). A Ugolotti la vittoria manca ancora da più tempo, ovvero dal 7 ottobre (Samb-Lucchese 1-0). La situazione ben presto precipitò e il tecnico romano d’adozione, un mese dopo, all’indomani dell’infausta trasferta di Gallipoli, venne esonerato.
Ora il ritorno sulla panchina rossoblu. «Ho ritrovato una squadra che ha voglia e mi pare abbia lo spirito giusto. Ho visto diversi giocatori molto cresciuti e questo non può che farmi piacere. Mi auguro che riusciranno a confermare il trend, molto positivo, casalingo».
Non si potrà più sbagliare. I rossoblu hanno qualcosa come 5 punti di ritardo dalla zona che garantisce la salvezza diretta. Restano sette partite per continuare a sperare, ma quella contro gli arancioni è di vitale importanza: una vittoria consentirebbe a Tinazzi e soci di superare i toscani, che ora sopravanzano i rossoblu di un punto (29 contro 28) e magari avvicinare il Potenza, sestultimo.
«E’ un momento particolare – fa Ugolotti – c’è preoccupazione, certo, ma sono fiducioso. Il clima pesante che si respira attorno a noi? Beh, in questa situazione di classifica è normale. Dipende solo da noi, dovremo scendere in campo convinti di poter tramutare in applausi eventuali fischi e mugugni. Servirà una partita importante, ma non credo di chiedere l’impossibile: questa squadra ha dimostrato di sapere fare bene».
Infine una battuta sulla Pistoiese: «I toscani sono reduci da una trasferta sfortunata come quella di Sorrento. Hanno una coppia d’attacco molto temibile, specie Cipolla: se è in giornata può risolvere da solo le partite. Ma noi abbiamo a disposizione le qualità e la velocità per poter fare male».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 654 volte, 1 oggi)