SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Sui nuovi orari del settoreSviluppo del territorio” ha da dire la sua Pasqualino Piunti e lo fa con un’interrogazione scritta al sindaco Giovanni Gaspari.
Partendo dalla nota dello scorso 28 febbraio in cui venivano informati alcuni professionisti circa i nuovi orari di ricevimento presso il settore Sviluppo del Territorio (i quali prevedono un solo tecnico a disposizione dei cittadini, per due ore al giorno e per quattro giorni alla settimana e l’obbligo di prenotazione – con fila allo sportello – per avere un colloquio) il capogruppo di An chiede al primo cittadino come «in una realtà dinamica, qual è quella sambenedettese, che sta redigendo il Piano Regolatore, non è ostativa per geometri, ingegneri, architetti e soprattutto semplici cittadini, questa decisione che va nel senso opposto alla tanto decantata sburocratizzazione?».
Piunti vuole inoltre sapere se, con questa nuova disposizione «non si creino situazioni di privilegio, per cui dei liberi professionisti possano essere avvantaggiati rispetto ad altri, nei tempi e quindi nell’esercizio del proprio lavoro?» e infine il capogruppo di An chiede se, alla luce delle “osservazioni” da parte del Collegio dei Geometri e dell’Ordine degli Architetti «è prevista una rivisitazione di questa decisione che appare decisamente penalizzante e poco partecipativa?».
Piunti, nell’attesa di una risposta in merito, spera che «dietro questa decisione non ci sia la volontà, più o meno recondita, di ottenere un atteggiamento “genuflesso” da parte dei tecnici e di portatori di interesse con l’obiettivo di far pesare di più l’apparato politico rispetto a quello burocratico-gestionale».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 451 volte, 1 oggi)