Massimo Rossi contro Ancona. L’attuale presidente della nostra provincia, già sindaco di Grottammare, gode di una stima generalizzata e lui lo sa benissimo. Anche la mia. Stavolta però credo che abbia sbagliato i tempi della sua sacrosanta protesta. Io stesso ho spesso evidenziato la scarsa considerazione che il consiglio regionale marchigiano ha delle Marche bassissime: ricordate quella pubblicità “turistica” dove Roberto Mancini promuoveva le spiagge marchigiane, indicando le rocce anconetane a picco sul mare denominate “due sorelle” a discapito dei restanti 149 chilometri di spiaggia piana e larga? Un suo intervento in quei frangenti, per esempio, sarebbe stato come minimo più opportuno. Invece in quei giorni silenzo assoluto da parte di qualsiasi istituzione. il mio sogno è quello di arrivare a tempi in cui le alleanze politiche passino in secondo piano rispetto ai fatti. Credo che Massimo Rossi, al quale rinnovo la mia stima, stia facendo le mie stesse riflessioni.
Samb. Secondo me, a sproposito, si sta facendo troppo chiasso o dissenso sull’esonero di Piccioni e il richiamo di Guido Ugolotti alla guida della Samb. Credo invece che la prima domanda da farsi sia questa: perché a suo tempo fu esonerato Ugolotti dopo uno splendido campionato 2006-2007? Perché i risultati ottenuti quest’anno non erano buoni. Per lo stesso motivo è stato allontanato Piccioni. Tutto secondo le regole del calcio ma non solo.
I giocatori sono contro contro Ugolotti e pro Piccioni? Quali? Non credo tutti, innanzitutto. Poi, come si permettono gruppi di calciatori a condizionare il loro rendimento al fatto che la formazione sia quella che dicono loro o no. Perché, se ci pensate bene, la sostanza di quanto sta accadendo è solo questa. Tutto il resto sono chiacchiere inutili e deleterie. Chi comanda è l’allenatore che non deve farsi condizionare da nulla e capitalizzare al massimo tutta la rosa che la società gli mette a disposizione. Sennò, e ripensateci bene, perché gli allenatori dovrebbero essere stipendiati? Anzi, spesso i più bravi sono proprio quelli che si rendono antipatici… a giocatori che vorrebbero decidere loro quando giocare e quando essere sostituiti.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.045 volte, 1 oggi)