SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Un orientamento più efficace e la possibilità di creare nuove professionalità. Nasce dall’esigenza concreta di aiutare i più giovani il convegno “Nuovi Mondi della Ricerca e Nuove Professionalità”, che si è tenuto sabato 15 marzo al Kursaal di Grottammare.
Un convegno molto particolare, soprattutto perché molti degli spettatori si trovavano nell’aula magna del Liceo Scientifico e seguivano le interessanti relazioni tramite videoconferenza, una pratica organizzata dalla dirigente scolastica Silvia Fazzini, che ha accolto le richieste degli alunni delle classi quinte del liceo.
Al convegno hanno partecipato gli alunni del liceo scientifico “B. Rosetti” e del liceo classico “G. Leopardi”, che grazie all’ausilio di nuovi strumenti tecnologici hanno potuto ascoltare le stimolanti relazioni che si sono succedute durante il convegno.
Il convegno è stato organizzato dal liceo scientifico e dall’istituto Fazzini Mercantini che hanno aderito all’invito del Distretto Scolastico nº 16 a progettare per gli alunni interventi di orientamento efficaci.

«Oggi è sempre più complesso rispondere ai bisogni degli alunni – ha dichiarato la professoressa Giancarla Perotti – è quindi urgente e necessario rivedere la modalità di fare orientamento. L’orientamento si trova a dover rispondere a una serie di domande che prima non gli venivano poste. La funzione orientativa non si manifesta più soltanto in un supporto al momento della scelta, si traduce anche in un processo rivolto a rafforzare le competenze auto orientative».
Al convegno era presente l’assessore alla Cultura e all’Istruzione, la professoressa Olimpia Gobbi.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 937 volte, 1 oggi)