SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Per il prossimo Consiglio Comunale del 28 marzo, i rappresentanti comunali dell’Udc hanno preparato 4 interrogazioni e 2 proposte di deliberazione da proporre in sede consiliare. Le interrogazioni verteranno sulla possibilità di istituire un orario prolungato per la Biblioteca Comunale “G.Lesca” (come proposto dai giovani dell’Udc), sulla proposta di demolizione del rudere di cemento armato sulla battigia della Sentina (a nord del fosso collettore). Marco Lorenzetti, poi, presenterà un’interrogazione in merito alla frana di via della Resistenza per scoprire come sono stati utilizzati i 60 mila euro destinati ai “lavori di somma urgenza per il ripristino della scarpata”. Il gruppo consiliare dell’Udc vuole conoscere come sono stati impiegati i fondi e quali sono le ditte contattate per la rimozione della frana. L’ultima interrogazione riguarderà il caso dei giocattoli rappresentanti demoni e mostri, che sono stati consegnati ai bambini del Palazzetto dello Sport il 31 gennaio scorso, giorno di giovedì grasso.

Le due proposte di deliberazione riguarderanno la riqualificazione della piazza della chiesa Sacra Famiglia (quartiere Ragnola), affinché questo progetto venga inserito nel Piano per le Opere Pubbliche del 2009, e l’istituzione di parcheggi gratuiti alternativi alle zone blu, per i residenti del lungomare e non solo. In particolare, si chiederà alla Giunta di individuare nella zona compresa tra il Torrente Albula, via Mare e la ferrovia, un modo per predisporre dei parcheggi gratuiti, contrassegnandoli con un altro colore, oppure dare ai residenti delle autorizzazioni di sosta gratuita nelle zone blu. «Noi non siamo contro i parcheggi a pagamento – precisa Marco Lorenzetti – ma se l’amministrazione ha intenzione di aumentarli deve anche dare la possibilità ai residenti di parcheggiare in quelle zone, in maniera gratuita o pagando una piccola somma. Ad un aumento delle zone blu, poi, dovrebbe corrispondere una diminuzione delle tariffe».

RIPASCIMENTO Il ripascimento della foce dell’Albula non sarà il tema caldo del prossimo Consiglio Comunale, ma il gruppo consiliare dell’Udc ha fatto notare i ritardi nei lavori di dragaggio. «L’assessore Settimio Capriotti accusa l’amministrazione Martinelli di aver effettuato l’escavo del porto nel 2004, interrotto per colpa delle dimissioni nel 2005 – commenta Lorenzetti – in realtà i lavori partirono il 19 gennaio 2005, con il dragaggio di 42 mila metri cubi di sabbia. Ora, invece, sembra che le attuali operazioni di dragaggio risultino addirittura ferme, e che macchine come la draga e il pontone abbiano lasciato il porto. Sicuramente questo sarà un problema, visto che tra un po’ inizierà la stagione turistica».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 662 volte, 1 oggi)