OFFIDA – Serafino Camilli, il professore di Educazione Fisica scomparso pochi giorni fa, è stato ricordato dal sindaco di Offida Lucio D’Angelo. «A nome dell’intera Amministrazione Comunale – ha dichiarato il primo cittadino – esprimo i sentimenti di profondo cordoglio per la scomparsa del professor Camilli. Nella sua attività di insegnante di Educazione Fisica ha avvicinato allo sport decine di ragazzi preparandoli per partecipare ai giochi della gioventù cogliendo grandi risultati anche a livello nazionale.
Come giornalista, corrispondente storico del Resto del Carlino, ha seguito da decenni tutta la vita sociale e politica di Offida non limitandosi a raccontare ciò che accadeva, ma avanzando proposte, suggerimenti e spesso anche critiche che in diverse occasioni ci hanno spronato ad un maggior impegno nella risoluzione dei problemi.
Una passione per la notizia – ha concluso D’Angelo – che lo ha portato ad essere sempre presente alle sedute del Consiglio comunale ed a tutte le manifestazioni ed iniziative che si svolgevano nel paese.
“Fifì”, o il “professore”, come amichevolmente lo chiamavamo in Offida, rimarrà nel ricordo di noi tutti anche come esempio di attaccamento alla storia, alle tradizioni ed alla vita della nostra comunità».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 541 volte, 1 oggi)