SAN BENEDETTO DEL TRONTO – E’ dal 1966 che l’importante gara ciclistica, la Tirreno Adriatico, viene ospitata nella nostra città e, come da consuetudine, anche quest’anno San Benedetto si prepara ad accogliere la tappa conclusiva della 43ª edizione di questa competizione.

Martedì 18 marzo, dunque, vedremo radunati in piazza San Giovanni Battista circa 200 ciclisti di varie nazionalità, inclusi i migliori atleti di livello mondiale (tra gli altri, Freire, Petacchi, Zabel, McEwen), pronti a partire alle 11.30 per sfidarsi su un circuito di circa 176 chilometri. Dopo la partenza i ciclisti percorreranno la Statale 16 per addentrarsi nella Provincia di Teramo: da Martinsicuro arriveranno ad Ancorano per poi ritornare nella Provincia di Ascoli, percorrendo Villa Sant’ Antonio, Offida, Castignano fino ad arrivare a Cossignano per il Gran Premio della Montagna.

Da Ripatransone inizierà la discesa verso Grottammare e il rientro a San Benedetto per i 7 giri conclusivi nel circuito cittadino: la vie interessate saranno via Cristoforo Colombo, via Marin Foliero, viale Marinai D’Italia, via Pasqualini, viale Delle Tamerici, viale Trieste, viale Marconi, viale Scipioni, viale Rinascimento, piazza Salvo D’Acquisto, via Mare, via dei Mille, via Maffei. L’arrivo, come al solito, è fissato per il primo pomeriggio in viale Buozzi. Ovviamente le autorità di pubblica sicurezza fanno sapere che dalle 18 del 17 marzo alle 20 del 18 marzo, nelle zone interessate dalla gara e vietata la sosta, così come è vietato il transito dalle 6 della mattina del 18 marzo, fino al termine della manifestazione, in via Marsala, Manzoni, lungo tutta la Statale 16 e le piazze cittadine. Per ovvi motivi, il mercato settimanale del martedì è stato anticipato a domenica 16 marzo.

LE SETTE TAPPE La 43ª edizione della Tirreno-Adriatico ha avuto inizio ieri, 12 marzo, con la prima tappa Civitavecchia-Civitavecchia di 160 chilometri, vinta dallo spagnolo Oscar Freire davanti ad Alessandro Petacchi. La 2 ª tappa prevista per oggi, giovedì 13 marzo, sarà la Civitavecchia-Gubbio di 203 chilometri. Terza tappa venerdì 14 marzo, Gubbio-Montelupone di 95 chilometri. Quarta tappa sabato 15 marzo, Porto Recanati-Civitanova, di 166 chilometri. Quinta tappa a cronometro individuale, domenica 16 marzo, Macerata-Recanati di 26 chilometri. Lunedì 17 ci sarà la sesta frazione, Civitanova-Castelfidardo, di 196 chilometri, per concludere martedì 18 marzo con la San Benedetto del Tronto-San Benedetto del Tronto di 176 chilometri.

IL CICLISMO NELLE MARCHE Durante la presentazione della tappa finale della Tirreno-Adriatico, l’assessore allo Sport Eldo Fanini ha ribadito la volontà dell’amministrazione affinché la città si riappropri di 2 tappe della gara ciclistica, come accadeva un tempo, e ha mostrato in esclusiva il libro-documento del professor Mario Malaigia che ripercorre la storia del ciclismo nelle Marche dagli anni ’30 in poi. «Il libro “Ciclismo nelle Marche” che verrà distribuito dalle amministrazioni locali – spiega Malaigia – è unico nel suo genere e ripercorre le storie e la carriera di grandi campioni locali, come il sambenedettese Ciarrocchi Ernesto, che nel 1939 al Campionato Italiani Dilettanti di Roma vinse distanziando di 5 minuti Fausto Coppi».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 2.391 volte, 1 oggi)