ASCOLI PICENO – Per la gioia di tutti i piccoli scienziati in erba ha preso il via mercoledì 12 marzo il secondo “Expo della Scienza”, l’iniziativa promossa dall’assessorato alla Cultura di Ascoli Piceno, al fine di favorire la diffusione della cultura scientifica e l’innovazione nella didattica delle scienze.
Due i luoghi che ospiteranno l’evento: i Musei della Cartiera Papale di Ascoli e il Polo musealeSant’Agostino” di Montelparo. L’evento è molto importante, si calcola che nei due giorni di esposizione circa 2200 allievi e oltre 200 docenti delle scuole primarie e secondarie del territorio visiteranno o saranno impegnati come “espositori” nelle attività laboratoriali di carattere scientifico che si svolgono nelle due strutture citate.
Sono ben 1038 gli studenti che nei 45 stand disseminati nei due poli museali eseguono decine di esperimenti di chimica, fisica, biologia, inoltre, non mancano dimostrazioni dedicate all’ambiente, al risparmio energetico e alle energie rinnovabili. In queste attività didattiche altamente innovative gli alunni sono guidati dai loro insegnanti e, soprattutto, dai 25 animatori scientifici della Provincia appositamente formati con uno specifico corso di formazione realizzato con la supervisione del “Museo delle Scienze Del Balì” di Pesaro. Nell’occasione ai ragazzi impegnati nelle varie postazioni è stato consegnato un originalissimo gioco da tavolo dal titolo “Misteri al museo” che prende ispirazione dall’omonima iniziativa che, lo scorso anno, portò più di 500 ragazzi a trascorrere “una notte bianca” nei due musei scientifici di Ascoli e Montelparo.
Tra le scolaresche che hanno invaso la cartiera erano presenti anche il presidente della Provincia Massimo Rossi e l’assessore alla Cultura Olimpia Gobbi che hanno seguito con attenzione alcuni esperimenti realizzati dai ragazzi.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.401 volte, 1 oggi)