SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Da giovedì 13 marzo torna a funzionare la stazione di rilevazione delle polveri sottili Pm10 che si trova in piazza Kolbe. Lo rende noto la Provincia di Ascoli, responsabile delle misurazioni.

Venerdì 29 febbraio infatti si è verificato un malfunzionamento grave all’impianto. Non arrivando più i dati negli uffici del Servizio Ambiente, la Provincia martedì 4 marzo ha effettuato un sopralluogo insieme alla ditta incaricata della manutenzione che ha evidenziato un guasto irreparabile alla pompa di alimentazione. La vecchia apparecchiatura perciò è stata sostituita.

In una nota, la Provincia afferma che «appare evidente che si tratta di un guasto imprevedibile che rientra nella manutenzione straordinaria ed è pertanto da respingere ogni illazione circa un presunto tentativo di nascondere ulteriori superamenti del limite per le polveri sottili».
Negli ultimi giorni la situazione peraltro andava migliorando, grazie alle temperature più calde che hanno indotto la popolazione a spegnere o usare meno il riscaldamento domestico, e ai fenomeni atmosferici (vento e pioggia) che hanno ridotto il ristagno dell’aria e degli inquinanti nelle parti basse dell’atmosfera.

Gli altri strumenti di rilevazione di piazza Kolbe funzionano correttamente, aggiunge la Provincia. Si tratta di strumenti per rilevare le concentrazioni di monossido di carbonio, ozono e ossidi di azoto.

I dati raccolti dalle stazioni di monitoraggio di Ascoli (viale Marconi, Monticelli, zona industriale Campolungo), Montemonaco (in fase di ripristino per danni subiti da un fulmine), Porto Sant’ Elpidio, Ripatransone e San Benedetto sono a disposizione sul sito web della Provincia.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 583 volte, 1 oggi)